Animali

Come nascono i nomi scientifici degli animali?

Il doppio nome latino, che gli scienziati assegnano a ogni essere vivente, ha una funzione molto simile a quella svolta da nome e cognome: il primo dei due nomi si scrive sempre con l’iniziale...

Il doppio nome latino, che gli scienziati assegnano a ogni essere vivente, ha una funzione molto simile a quella svolta da nome e cognome: il primo dei due nomi si scrive sempre con l’iniziale maiuscola, è relativo al genere (cognome) ed è comune per gruppi anche ampi di animali o piante. Il secondo invece si scrive con l’iniziale minuscola, indica la specie (nome) ed è caratteristico solo di un certo tipo di individui, molto simili tra loro e in grado di accoppiarsi con successo. Quando viene scoperto un nuovo organismo, il cognome (vale a dire il genere) viene assegnato in base alle regole che definiscono la sua appartenenza al gruppo, mentre il nome (la specie) viene scelto direttamente dallo scopritore, e si tratta di solito di un termine di fantasia. A un dinosauro scoperto qualche anno fa, un fossile che risale al periodo Giurassico, è stato dato per esempio dato il fantasioso nome di Jurassosaurus nedegoapeferkimorum, costruito utilizzando le iniziali degli attori del film che Steven Spielberg ha tratto dal romanzo Jurassic Park, scritto qualche anno fa dallo statunitense Michael Crichton. Potrebbe però essere l’ultima volta che viene scelto un nome bizzarro o derivato da nomi propri. Negli ultimi anni infatti gli studiosi hanno deciso che è meglio preferire quelli derivati dalla geografia del luogo del ritrovamento o dalle caratteristiche dell’animale o della pianta. In alcuni casi poi, genere e specie sono uguali: succede spesso quando la specie è stata la prima descritta di quel genere. Capita per esempio per la gazza (Pica pica), la gazzella (Dama dama), o il tasso (Meles meles).

28 giugno 2002
Tag ambiente - animali - pet - lingua - d&r
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us