Animali

Per monitorare gli orsi polari basterà analizzare il loro DNA nelle tracce lasciate nell'ambiente

Una nuova tecnica permette di tenere sotto controllo gli orsi polari attraverso l'analisi del DNA ambientale contenuto nelle tracce che un animale lascia nell'ambiente

Gli orsi polari sono tra gli animali più "famosi" del mondo, considerati da decenni uno dei simboli del Polo Nord ma anche della lotta ai cambiamenti climatici – quante volte avete visto l'immagine di uno di questi mammiferi che galleggia sull'oceano seduto su un triste pezzo di ghiaccio? La loro conservazione è una vera sfida, perché si tratta di animali timidi e difficili da individuare e seguire nella neve; e catturarli e "taggarli" può creare loro problemi di stress.

Ora dal Global Arctic Programme gestito dal WWF arriva una soluzione a quest'ultimo dilemma: una tecnica di analisi del DNA che permette di tenere traccia degli spostamenti dei singoli individui senza bisogno di interagire direttamente con loro, così da evitare interazioni sgradite. La tecnica, sperimentata anche con altri mammiferi a rischio, è spiegata in uno studio pubblicato su Frontiers in Conservation Science.

Cacca no… Catturare e marcare gli orsi polari è un'impresa complicata (a partire dal fatto che non è facile trovarli in mezzo a tutto quel bianco); in più, le popolazioni Inuit del Circolo Polare Artico sono contrarie ai metodi di ricerca più invasivi, che turbano l'equilibrio degli orsi e dell'intero ecosistema. Ecco perché il team del WWF ha trovato una soluzione alternativa che è ispirata a certe tecniche forensi: si tratta dell'individuazione del cosiddetto DNA ambientale, cioè quello contenuto nelle varie tracce che un animale lascia di sé mentre vive la sua vita. La prima idea del team è stata quella di usare le feci per individuare e identificare gli individui, ipotesi presto scartata sia perché il DNA che si ritrova negli escrementi è spesso troppo degradato per essere "letto", sia perché toccare la loro cacca infastidisce gli stessi orsi polari, che la usano anche per comunicare la loro presenza ad altri esemplari. Si è quindi pensato di provare con un'altra fonte: le cellule della pelle che questi mammiferi perdono dalle zampe, e depositano nelle impronte che lasciano nella neve.

… orme sì. La tecnica è stata sperimentata non solo sugli orsi polari, ma anche su alcuni esemplari di lince europea e su uno (che vive però in cattività) di leopardo delle nevi. L'idea è che le tracce organiche che rimangono nelle orme vengano conservate dalla temperatura, impedendo il rapido degrado del DNA: raccogliendo le cellule epidermiche, i peli e altri "resti" del passaggio dell'animale, è possibile ricostruirne il genotipo e quindi identificarlo.

Messa alla prova sul campo, la tecnica si è rivelata efficace: in particolare, è stato possibile ricostruire con precisione il DNA dell'87% degli orsi polari le cui tracce sono state esaminate. Con lince e leopardo le cose sono andate un po' peggio, ma a fare da contraltare c'è il fatto che l'analisi del DNA ambientale permette di allargare a dismisura il campione di analisi, visto che orme e tracce sono onnipresenti, e decisamente più facili da studiare di un animale vivo (e contrario alla cattura). Il Global Arctic Programme spera ora che questa tecnica diventi lo standard nella conservazione degli orsi polari, e che il suo uso si espanda a tutti gli animali che vivono nella neve.

15 dicembre 2023 Gabriele Ferrari
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Sulle orme di Marco Polo, il nostro viaggiatore più illustre che 700 anni fa dedicò un terzo della sua vita all’esplorazione e alla conoscenza dell’Oriente, in un’esperienza straordinaria che poi condivise con tutto il mondo attraverso "Il Milione". E ancora: un film da Oscar ci fa riscoprire la figura di Rudolf Höss, il comandante di Auschwitz che viveva tranquillo e felice con la sua famiglia proprio accanto al muro del Lager; le legge e le norme che nei secoli hanno vessato le donne; 100 anni fa nasceva Franco Basaglia, lo psichiatra che "liberò" i malati rinchiusi nei manicomi.

ABBONATI A 29,90€

Che cosa c’era "prima"? Il Big Bang è stato sempre considerato l’inizio dell’universo, ma ora si ritiene che il "nulla" precedente fosse un vuoto in veloce espansione. Inoltre, come si evacua un aereo in caso di emergenza? Il training necessario e gli accorgimenti tecnici; che effetto fa alla psiche il cambiamento climatico? Genera ansia ai giovani; esiste la distinzione tra sesso e genere tra gli animali? In alcune specie sì. Con quali tecniche un edificio può resistere a scosse devastanti? Siamo andati nei laboratori a prova di terremoti.

 

ABBONATI A 31,90€
Follow us