Animali

Ci sono zanzare diurne e zanzare notturne

Uno studio mostra che le zanzare diurne sono attratte dalla luce, indipendentemente dalla sua lunghezza d'onda, mentre quelle notturne evitano la luce blu e gli ultravioletti.

Le zanzare sono l'animale che ogni anno miete più vittime tra gli esseri umani – non direttamente, ma perché è il principale vettore di trasmissione di alcune malattie letali tra cui la malaria e la febbre gialla. È facile parlare di "prevenzione contro le zanzare" come di un'urgenza da affrontare, ma la vera domanda da porsi è: quali zanzare?

Un nuovo studio pubblicato su Current Biology dimostra che diverse specie di zanzare hanno un comportamento diverso nei confronti della luce a seconda che siano notturne o diurne, e sostiene che bisogna tenere conto di queste differenze per poter attuare una prevenzione efficace.

Malaria e febbre gialla. Lo studio ha analizzato i comportamenti di due specie molto diffuse e molto pericolose di zanzara (Aedes aegypti, responsabile della febbre gialla, e Anopheles coluzzi, uno dei principali vettori per la malaria), partendo dal presupposto che tutte le specie di zanzara sono in qualche misura attratte dalla luce ultravioletta – quella utilizzata anche nelle zanzariere elettriche per attirarle e "friggerle". Lo studio ha invece dimostrato che le due specie hanno preferenze differenti quando si tratta di luce: Aedes aegypti, che ha abitudini diurne, viene attirata da un ampio spettro di frequenze diverse, mentre Anopheles coluzzi, che va a caccia di notte, evita a tutti i costi le lunghezze d'onda più brevi.

Già, ma cosa significa? Al di là degli aspetti tecnici, i risultati dello studio si possono riassumere così: le zanzare diurne sono attratte dalla luce, indipendentemente dalla sua lunghezza d'onda, mentre quelle notturne evitano la luce blu e gli ultravioletti.

Secondo uno degli autori dello studio, Todd Holmes, «comprendere come le zanzare rispondono a determinate lunghezze d'onda ci permetterà di sviluppare metodi di prevenzione ecosostenibili e alternativi ai pesticidi».

12 agosto 2020 Gabriele Ferrari
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us