Animali

Come hanno fatto le balene a divenire così grandi?

Un corpo lungo come un aereo di linea e un cuore grande come un'utilitaria: la scienza fa luce sul mistero della taglia extralarge di questi cetacei. Una conquista relativamente recente.

Quando e sotto quali spinte gli animali più grandi del pianeta hanno raggiunto le attuali dimensioni? Il dilemma sulla taglia delle balenottere azzurre (Balaenoptera musculus) e di altri cetacei giganti ha forse trovato una prima risposta. Secondo un gruppo di biologi evolutivi dell'università di Chicago, il gigantismo delle balene avrebbe subito una forte accelerazione negli ultimi tre milioni di anni.

Spilungone da poco. «Pensiamo alle balene come a creature giganti, ma se si considerano i 36 milioni di anni della loro storia evolutiva, sono così grandi da non più di un decimo di questo periodo», spiega Graham Slater, tra gli autori. Il ricercatore ha studiato con i colleghi i fossili di 63 balene estinte e di 13 specie viventi. Ha messo a confronto dimensioni e posizione nell'albero genealogico dei cetacei, elaborando modelli computerizzati su come si sia evoluto il gigantismo.

Più cibo, concentrato. Benché le dimensioni di questi animali siano gradualmente mutate nel tempo, le taglie esagerate di 10 metri e oltre (delle balenottere azzurre e di altre balene) si sarebbero raggiunte soltanto negli ultimi 2-3 milioni di anni, probabilmente per l'aumento di acque fredde e dense di nutrienti nelle regioni attorno alle piattaforme continentali, dovuto all'inizio della glaciazione nell'emisfero nord, circa 3 milioni di anni fa.

Il fenomeno climatico portò il cibo dei cetacei a concentrarsi in dense sacche, anziché distribuirlo uniformemente nei mari. Animali giganti con bocche altrettanto gigantesche possono sfruttare al massimo le riserve di plancton finché ci sono, e incamerare energia a sufficienza per nuotare verso le successive, che possono trovarsi anche a "mesi" di distanza.

25 maggio 2017 Elisabetta Intini
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us