Come funziona il cervello dei topi

Una tecnica rivoluzionaria per vedere come cambia il cervello di un mammifero; dal vivo.

20021229154351_8

Come funziona il cervello dei topi
Una tecnica rivoluzionaria per vedere come cambia il cervello di un mammifero; dal vivo.
Niente baffi. Se si accorciano ai topi, alcune parti dei neuroni crescono più velocemente.
Niente baffi. Se si accorciano ai topi, alcune parti dei neuroni crescono più velocemente.
Due studi sullo stesso argomento, due conclusioni opposte. Il soggetto è il cervello dei topi, osservato per la prima volta con una tecnica rivoluzionaria che permette di seguire, con l'animale vivente, lo sviluppo dei singoli neuroni. O meglio, di una parte dei neuroni, le cosiddette spine dendritiche, minuscoli prolungamenti che collegano le cellule nervose tra di loro. Si pensa che le spine siano la struttura di base de cervello, e che da esse dipenda lo sviluppo dell'intelligenza e della memoria. Il loro numero è elevatissimo; sono infatti diecimila per ogni neurone. Il gruppo americano-svizzero, guidato da Joshua Trachtenberg ha scoperto che le spine dendritiche hanno una vita, al massimo, di 100 giorni.
Questione di età? L'altro gruppo, condotto da Jaime Grutzendler, ha invece osservato una vita media delle spine dendritiche di oltre 13 mesi. A parte la tecnica avanzatissima utilizzata per analizzare le cellule nervose, lo studio dimostra quanto importante sia l'età del soggetto. I primi, infatti, hanno lavorato con topini giovani, i secondi con animali più vecchi, che avevano cioè superato l'età adulta. Il gruppo guidato da Trachtenberg ha anche scoperto che la crescita e lo sviluppo delle spine è governato dagli impulsi sensoriali: se si accorciano i baffi ai topi, le spine crescono più velocemente.

(Notizia aggiornata al 29 dicembre 2002)

20 Dicembre 2002