Animali

Come fanno i ragni a spiccare il volo

Prima di librarsi nell'aria usando la tela come vela, testano temperatura e direzione dell'aria con un paio di zampe. Alcuni ricercatori li hanno filmati: il decollo avviene soltanto in condizioni ideali.

Le tele di ragno non sono soltanto uno strumento di cattura: in alcune occasioni, possono trasformarsi in un efficiente mezzo di trasporto aereo. La tecnica del ballooning (dal termine inglese per mongolfiera) è nota da tempo. Certe specie di ragno secernono fili di seta che funzionano come vele, grazie ai quali si sollevano e si lasciano trasportare anche a grandi distanze.

Signori dell'aria. Ora alcuni scienziati tedeschi hanno studiato più da vicino questa originale forma di dispersione sul territorio, scoprendo che i preparativi al decollo sono accurati e tutt'altro che casuali. Hanno sistemato 14 ragni granchio (gen. Xysticus) su una piattaforma a forma di fungo nel Lilienthal Park, lo stesso parco di Berlino in cui il pioniere dell'aviazione Otto Lilienthal (1848-1896) condusse i suoi personali test di volo con i primi alianti.

In un esperimento separato, i ricercatori hanno invece osservato gli stessi ragni in una galleria del vento in miniatura, in cui poter misurare temperatura e velocità delle correnti d'aria. Potete vedere i filmati dei test in questo bel video di Science (il testo prosegue dopo il filmato).

Preparazione attenta. I ragni non hanno dispiegato le loro vele a caso. Prima di prendere il volo, hanno testato direzione e velocità del vento sollevando due zampe per 5-8 secondi. Nelle giornate fredde e ventose, si sono riparati su un fianco della piattaforma senza decollare. Ma in quelle calde e con una brezza non più veloce di 3 metri al secondo, hanno sollevato l'addome liberando una sessantina di fili di seta, e formando una tela triangolare che hanno poi usato per lasciarsi sollevare dal vento.

Lo studio, in fase di pre-pubblicazione, è il primo a dimostrare che, come ogni buon aviatore che si rispetti, anche i ragni assaggiano le condizioni atmosferiche, prima di esporsi a un rischio.

3 aprile 2018 Elisabetta Intini
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

La Bibbia è il libro più famoso del mondo. Eppure, quanti sanno leggere fra le righe del racconto biblico? Questo numero di Focus Storia entra nelle pagine dell'Antico Testamento per comprendere dove finisce il mito e comincia la storia, anche alla luce delle ultime scoperte archeologiche. E ancora: la Crimea, terra di conquista oggi come ieri; l'antagonismo fra Coca e Pepsi negli anni della Guerra Fredda; gli artisti-scienziati che, quando non c'era la fotografia, disegnavano piante e animali per studiarli e farli conoscere.

 

ABBONATI A 29,90€

Come sta la Terra? E che cosa può fare l'uomo per salvarla da se stesso? Le risposte nel dossier di Focus dedicato a chi vuol conoscere lo stato di salute del Pianeta e puntare a un progresso sostenibile. E ancora: come si forma ogni cosa? Quasi tutti gli atomi che compongono ciò che conosciamo si sono generati in astri oggi scomparsi; a cosa servono gli scherzi? A ribadire (o ribaltare) i rapporti di potere; se non ci fosse il dolore? Mancherebbe un segnale fondamentale che ci difende e induce solidarietà.

ABBONATI A 31,90€
Follow us