Animali

Come fa il pitone a non slogarsi la mascella?

Il pitone ha una bocca in grado di aprirsi a dismisura che gli consente di inghiottire anche prede di dimensioni notevoli come capre e maiali. Ecco il suo segreto.

Il pitone birmano è uno dei serpenti più grossi del mondo. Nativo del sud-est dell'Asia, da qualche anno è arrivato anche negli Stati Uniti, dove – in particolare nelle Everglades, in Florida – si sta dimostrando essere una specie invasiva, e sta sterminando volpi, conigli, procioni e qualsiasi altra cosa riesca a infilarsi in bocca. Già, la sua bocca: è proverbiale per le sue dimensioni ma soprattutto per la sua capacità di aprirsi a dismisura, permettendo all'animale di inghiottire prede di dimensioni notevoli. Qual è il segreto di questa sua caratteristica anatomica? L'ha scoperto un gruppo di ricerca dell'Università di Cincinnati, e sta tutto nel tessuto connettivo. Le loro scoperte sono pubblicate su Integrative Organismal Biology.

Niente slogature. Il pitone birmano si nutre principalmente di uccelli e piccoli mammiferi, avvolgendoli nelle sue spire e stritolandoli prima di inghiottirli interi. Gli esemplari più grossi sono stati però visti mangiare animali ben più grossi – dalle capre ai maiali. Una delle spiegazioni più diffuse relative alla sua capacità di aprire la bocca abbastanza da infilarci una preda intera prevedeva che il segreto fosse nelle articolazioni della mascella che, si pensava, l'animale era in grado di slogare e risistemare a comando.

È una teoria interessante ma falsa: le articolazioni c'entrano comunque, ma il "trucco" del pitone è la presenza, tra il cranio e la mascella, di un pezzo di tessuto connettivo estremamente elastico. Questo rende le articolazioni estremamente mobili, senza però danneggiarle come farebbe una slogatura volontaria.

Che bocca grande che hai. Per mettere alla prova l'elasticità di questo tessuto connettivo, il team ha provato a far inghiottire una serie di pezzi di plastica di dimensione crescente agli oltre 40 pitoni utilizzati nell'esperimento, e che variavano anch'essi da esemplari giovani (e quindi piccoli) ad adulti lunghi più di 4 metri. È proprio uno di questi ultimi, lungo per la precisione 4.3 metri, che è riuscito nell'impresa di inghiottire la sonda più grande: 22 centimetri di diametro. Eppure, secondo gli autori dello studio, si potrebbe fare anche di meglio: stando ai loro calcoli, il pitone birmano potrebbe raggiungere anche i 30 centimetri di "apertura boccale". Un'impresa, ma anche un limite: visto che inghiotte solo prede intere, qualsiasi animale più grosso della sua bocca può sentirsi al sicuro. Forse…

17 ottobre 2022 Gabriele Ferrari
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Sulle orme di Marco Polo, il nostro viaggiatore più illustre che 700 anni fa dedicò un terzo della sua vita all’esplorazione e alla conoscenza dell’Oriente, in un’esperienza straordinaria che poi condivise con tutto il mondo attraverso "Il Milione". E ancora: un film da Oscar ci fa riscoprire la figura di Rudolf Höss, il comandante di Auschwitz che viveva tranquillo e felice con la sua famiglia proprio accanto al muro del Lager; le legge e le norme che nei secoli hanno vessato le donne; 100 anni fa nasceva Franco Basaglia, lo psichiatra che "liberò" i malati rinchiusi nei manicomi.

ABBONATI A 29,90€

Che cosa c’era "prima"? Il Big Bang è stato sempre considerato l’inizio dell’universo, ma ora si ritiene che il "nulla" precedente fosse un vuoto in veloce espansione. Inoltre, come si evacua un aereo in caso di emergenza? Il training necessario e gli accorgimenti tecnici; che effetto fa alla psiche il cambiamento climatico? Genera ansia ai giovani; esiste la distinzione tra sesso e genere tra gli animali? In alcune specie sì. Con quali tecniche un edificio può resistere a scosse devastanti? Siamo andati nei laboratori a prova di terremoti.

 

ABBONATI A 31,90€
Follow us