Animali

Com’è nato il linguaggio? Ce lo dicono gli scimpanzé

Un studio sulle vocalizzazioni degli scimpanzé dimostra che gli strumenti per inventare il linguaggio esistevano già prima dell'uomo.

Non c'è dubbio che l'invenzione del linguaggio – parlato prima, scritto poi – sia stata una delle novità decisive che hanno consentito all'essere umano di ottenere il successo del quale sta attualmente godendo (e abusando).

Una cosa sulla quale invece i dubbi non mancano è la risposta alla domanda "com'è nato il linguaggio?": l'evoluzione della parola è ancora in gran parte un mistero, ma un importante indizio arriva da un nuovo studio, condotto da un gruppo di ricercatori di diverse università tra cui St Andrews, York e Warwick, e che ha dimostrato come le vocalizzazioni degli scimpanzé abbiano ritmi molto simili a quelli del parlato umano.

Gibboni e oranghi... Una delle modalità comunicative più utilizzate dai primati è il cosiddetto lip smacking, un rumore prodotto con le labbra e che, come si è scoperto negli anni, ha un ritmo costante (5 cicli al secondo, quindi una frequenza di 5 Hz) in molte specie di scimmie, per esempio oranghi e gibboni. È una caratteristica comune anche al parlato degli esseri umani, ma finora nessuno aveva provato a misurare la frequenza di lip smacking nei primati evolutivamente più vicini all'uomo, quindi gorilla, bonobo e scimpanzé.

... e infine scimpanzé. Il team di ricerca ha quindi analizzato le vocalizzazioni di quattro popolazioni di scimpanzé, due selvatiche e due cresciute in cattività (una allo zoo di Edimburgo, una in quello di Lipsia), e ha scoperto che anche questi primati hanno un "modello vocale" riconoscibile, a una frequenza lievemente inferiore rispetto a quella di oranghi e gibboni (4,15 Hz invece di 5).

Il valore è solo una media, perché i ricercatori hanno trovato differenze sostanziali nelle modalità di comunicazione di popolazioni diverse, come se ciascuna avesse un suo dialetto. Secondo gli autori dello studio, questo dimostra che «i nostri antenati hanno "costruito" il linguaggio usando strumenti che erano già a disposizione degli altri primati e ominidi».

6 giugno 2020 Gabriele Ferrari
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us