Animali

Che olfatto, i colibrì! Sono capaci di annusare il pericolo

Gli uccelli non hanno un olfatto molto efficiente: fanno eccezione gli avvoltoi e (si scopre ora) i colibrì, che lo usano per evitare problemi.

Se parliamo di olfatto, gli animali si dividono in due macrocategorie: ci sono i cosiddetti macrosmatici, per i quali questo senso è fondamentale, e quelli microsmatici, per i quali invece l'olfatto non è importante quanto la vista o l'udito. La differenza tra le due categorie sta nella dimensione del bulbo olfattivo, dove si trovano i recettori nervosi che traducono gli odori in segnali per il cervello; cani e orsi, per fare due esempi, ce l'hanno particolarmente sviluppato, mentre noi umani e la maggior parte degli uccelli no. La maggior parte, ma non tutti...

Nuovo nome in lista. Sappiamo per esempio che gli avvoltoi fanno grande affidamento sul loro olfatto, e ora un nuovo studio pubblicato su Springer ci permette di aggiungere alla lista un uccello inaspettato: il colibrì.

Il bulbo olfattivo dei colibrì (357 specie diverse appartenenti alla famiglia Trochilidae) è, come d'altra parte il resto del loro corpo, di piccole dimensioni. Già in passato si era provato a capire se questi uccelli usassero anche l'olfatto nella ricerca del cibo (si nutrono di nettare succhiato direttamente dai fiori), ma tutti gli studi compiuti sull'argomento dimostravano che i colibrì non fanno preferenze in base all'odore: anzi, rispetto agli insetti che vengono attratti dai fiori più odorosi, questi minuscoli uccelli preferiscono quelli con un profumo più blando. Il team dell'Università della California (Davis) che ha condotto lo studio ha provato invece a verificare se i colibrì facciano caso a odori completamente diversi: quelli di certi insetti, che potrebbero far loro concorrenza sui fiori e anche causare loro dei danni.

Davanti a una scelta. Hanno quindi preso un centinaio di esemplari (lo studio non specifica a quale specie appartenessero) e li hanno messi di fronte a una scelta tra due mangiatoie: una contenente acqua e zucchero, una contenente acqua, zucchero e sostanze chimiche prodotte da formiche e api.

I risultati confermano che i colibrì sono sensibili almeno ad alcuni odori: gli uccelli hanno infatti ignorato la presenza di sostanze chimiche prodotte dalle api, e hanno invece notato quando oltre ad acqua e zucchero la mangiatoia conteneva tracce di acido formico e di altre molecole prodotte dalle formiche. Le api, infatti, non creano alcun problema ai colibrì, mentre le formiche possono causare irritazioni alle zampe e agli occhi, e provocare danni anche duraturi.

Ecco perché gli uccelli si sono tenuti alla larga dal mix di acqua, zucchero e "veleno di formica": è la dimostrazione che per loro l'olfatto è un senso importante, che permette di discriminare tra i fiori sicuri e quelli da evitare.

Lo stesso meccanismo potrebbe applicarsi anche ad altri uccelli, e questo studio potrebbe stimolare nuove ricerche sull'argomento, che potrebbero rivelarci che i volatili usano il naso più di quanto pensassimo.

2 ottobre 2021 Gabriele Ferrari
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us