Animali

Cinciarelle allegre

Le femmine di questi uccelli si accoppiano con più compagni per migliorare il patrimonio genetico della specie.

Cinciarelle allegre
Le femmine di questi uccelli si accoppiano con più compagni per migliorare il patrimonio genetico della specie.

Una nidiata di cinciarelle.
Una nidiata di cinciarelle.

L'infedeltà fa bene? Apparentemente sì, dal momento che le femmine di numerose specie animali che nel corso della loro vita si accoppiano con maschi diversi danno vita a una progenie con un patrimonio genetico di migliore qualità.
Molti partner, migliori geni. Un recente studio condotto su una popolazione austriaca di cinciarelle (Parus caeruleus) ha dimostrato che le femmine di questi uccelli, solitamente monogame, non disdegnano qualche “avventura extraconiugale” per incrementare il tasso di eterozigosi (cioè di variabilità genetica) della propria progenie. A livello morfologico, questa strategia determina la comparsa di maschi con caratteri sessuali secondari, quali il colore del vertice del capo, più evidenti, aumentando le loro chanche nel corteggiamento e quindi nella riproduzione. A livello genotipico (cioè di geni posseduti da ogni individuo) riduce invece la probabilità che siano espressi caratteri recessivi dannosi e incrementa il numero di geni potenzialmente vantaggiosi.
La rivincita dei fratellastri. I “fratellastri” che nascono dalle relazioni extraconiugali, dunque, non solo hanno maggiori probabilità di riprodursi grazie alle migliori “doti fisiche”, ma garantiscono anche una maggiore compatibilità all'interno della popolazione, contrastando gli effetti negativi dell'incrocio tra consanguinei. In questo modo è assicurata la trasmissione di un patrimonio genetico caratterizzato da un alto tasso di variabilità e di qualità, e in definitiva, la possibilità della progenie di rispondere adeguatamente a qualsiasi sollecitazione adattativa.

(Notizia aggiornata al 24 ottobre 2003)

15 ottobre 2003
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us