Chi si rivede: dopo 10 anni il gatto delle sabbie

La sottospecie araba di uno dei felini più elusivi del deserto fotografata per la prima volta in un decennio: si cerca di capire qualcosa di più sulle sue abitudini.

ipa_b5dbhp_web
Un esemplare di Felis margarita harrisoni tenuto in cattività.|mike lane / Alamy / IPA

Per la prima volta dopo 10 anni di assenza, il gatto delle sabbie arabo (Felis margarita harrisoni) torna a mostrarsi agli occhi dei ricercatori: un team di scienziati dell'Agenzia per l'Ambiente di Abu Dhabi è riuscito a fotografarne tre esemplari, con l'aiuto di esche di cibo e telecamere nascoste.

 

Uno dei tre esemplari incorsi nelle telecamere nascoste. | Environment Agency - Abu Dhabi

Pazienza premiata. Gli scatti sono stati realizzati nel 2015 nell'area di Baynouna, nella regione occidentale degli Emirati Arabi Uniti, dopo 278 notti di appostamenti. Era dal 2005 che non si riusciva ad osservare uno di questi felini selvatici, che vivono nel deserto, e i nuovi dati serviranno a comprendere distribuzione e comportamento.

 

Al fresco. Gli incontri sono avvenuti tutti di notte, da mezzanotte alle sei del mattino, e a temperature miti (tra gli 11 e i 28 °C). Nel 39% dei casi c'era la Luna piena, e insieme al felino è stato possibile anche fotografare le sue prede: il Gerboa del deserto e il gerbillo, due piccoli roditori; e alcuni rettili e gechi, che potrebbero fornire indicazioni sul tipo di alimentazione del raro gatto. 

 

 

10 Agosto 2016 | Elisabetta Intini