Cheese! I più contagiosi sorrisi animali

Ci piace pensare che se la stiano ridendo sotto ai baffi, ma in realtà, molti dei "sorrisi" animali - se si escludono quelli delle grandi scimmie antropomorfe - sono sbadigli, segnali di difesa o espressioni dettate dalla conformazione di bocca e dentatura. Nonostante ciò, vederli mette di buon umore: lasciatevi rallegrare da una carrellata dei ghigni più curiosi e originali delle creature del nostro Pianeta.

iber_76422_webget_118132071tip_381bio35150_webmonkeyienaspl_c0044970_webget_144833447pinguinoiber_63122_webget_51443370_webreu_rtr17q78get_97652127plankton_webreu_rtr32n2xget_146141695iber_62234_webrtr2pvwlreu_copiazebrareu_rtr1wxy9spl_z300246npl_01209500cavalloget_73406771_webasinocanecapracathipporanatarsiertip_armad18120_webnpl_01289286npl_01365468smiling-baby-gorillaApprofondimenti
iber_76422_web

Non potevamo che aprire con l'autoscatto di un esemplare particolarmente intraprendente di macaco nero crestato del Sulawesi (Macaca nigra) che ha realizzato una serie di foto del proprio faccione sorridente mentre giocherellava con l'equipaggiamento di un fotografo inglese, nell'isola del nord dell'Indonesia.

L'iniziale diffidenza nei confronti dell'attrezzatura ha lasciato presto posto alla curiosità: «Prima che riuscissi a recuperare la mia fotocamera il gruppo di macachi aveva realizzato centinaia di scatti» ha spiegato il fotografo. «All'inizio hanno fatto molte foto di denti» ha riferito «anche se gran parte degli scatti è venuta sfocata» (guarda altre due foto dell'episodio).

get_118132071

Come in una scena del film d'animazione "Alla ricerca di Nemo" questa tartaruga verde delle Maldive (Chelonia mydas) si è avvicinata al fotografo subacqueo britannico Adam Broadbent, che la stava inquadrando, con il più raggiante dei sorrisi.

Altre belle foto e tante curiosità sulle tartarughe

tip_381bio35150_web

La risata a crepapelle di un orango indonesiano (Pongo pygmaeus). Se finora si pensava che i primati ridessero solo per imitazione dell'uomo, ora sappiamo che non è così. Alcuni ricercatori dell'università di Portsmouth (Inghilterra) si sono divertiti a fare il solletico a una ventina tra oranghi, gorilla, bonobo e scimpanzé. Paragonando le loro risate a quelle di alcuni bambini hanno scoperto che le scimmie non solo ridono come noi, usando gli stessi meccanismi fisici (il tipo di respirazione, l'emissione del suono), ma anche per gli stessi motivi, cioè quando provano un'emozione.

La nostra risata, in altre parole, deriverebbe direttamente da quella dei primati, anche se la conformazione della laringe delle scimmie impedisce loro di emettere l' "ah-ah" tipico della risata umana (per esempio, il suono della risata di uno scimpanzé somiglia più che altro a un respiro affannoso).

Sai perché la risata è contagiosa?

Tutte le più belle foto di primati (guarda)

monkey

Inizialmente nei primati, il gesto di scoprire i denti equivaleva a un segnale di minaccia. Solo successivamente, nelle scimmie più vicine all'uomo, questo gesto è diventato segno di sottomissione e non ostilità.

Nell'uomo, infine, il sorriso è divenuto un sintomo di apertura e volontà di stringere amicizia. Dal sorriso accompagnato da un vocalizzo è nata la risata: la più vecchia risuonò probabilmente nella savana africana quando i primi uomini iniziarono a camminare in posizione eretta, 2 o 3 milioni di anni fa.
Se la risata è un comportamento diffuso nelle scimmie antropomorfe, l'umorismo rimane però una prerogativa prettamente umana.

iena

La iena maculata o iena ridens (Crocuta crocuta) per la peculiarità di emettere un suono acuto simile a una risatina umana un po' isterica. Lo fa, a dire il vero, nelle situazioni di nervosismo o per formulare una richiesta d'aiuto: secondo alcuni ricercatori, ogni iena produrrebbe un suono specifico che fornisce informazioni sull'età e sulla propria posizione sociale. Questi segnali servirebbero per mettere un po' d'ordine nelle gerarchie di gruppi complessi, che comprendono dai 10 ai 90 esemplari.

Sai perché si dice "essere una iena"?

spl_c0044970_web

Questo faccione pieno, soddisfatto e ridanciano cambierà presto: tra qualche settimana la bocca del girino si allargherà fino a diventare ampia quanto tutta la testa, il corpo si separerà in due segmenti distinti, testa e tronco, e spunteranno le tanto attese zampine anteriori. A quel punto il piccoletto - qui al microscopio - sarà quasi pronto a lasciare l'acqua e cambiare "menù".

Durante la fase di sviluppo infatti, i girini sono generalmente vegetariani e si nutrono delle alghe presenti all'interno del loro stagno (alcuni per ragioni di adattamento, nascono onnivori e si accontentano dei detriti che si depositano sul fondo dell'acqua). Ma al completamento della metamorfosi l'intestino si modifica per prepararsi alla nuova dieta: l'esemplare adulto, rana o rospo, andrà ghiotto di piccoli invertebrati.

Non perderti la gallery dedicata alle rane

get_144833447

Il "sorriso" di un orso polare (Ursus maritimus). A dispetto delle apparenze "amichevoli", gli orsi bianchi sono animali piuttosto solitari: gli unici momenti di socialità sono quelli che si instaurano tra una madre e i cuccioli o tra partner al momento dell'accoppiamento. Per il resto, questi mammiferi trascorrono la maggior parte del tempo (oltre il 65%) a oziare o a viaggiare, a nuoto o a piedi, in cerca di cibo.

pinguino

Il sorriso "obbligato" di un pigoscelide antartico (Pygoscelis antarcticus). Questo uccello della famiglia dei pinguini presenta una sottile striscia di piumaggio nero che corre da un lato all'altro del capo, proprio sotto al becco. Ecco perché nelle foto, si ha sempre l'impressione che sorrida.

Le più belle foto di pinguini: vai alla gallery

iber_63122_web

Qualcuno direbbe che si sta affilando i denti mentre pregusta un lauto spuntino.
Ma per Todd Mintz, il fotografo subacqueo che ha realizzato questo scatto nelle acque delle Bahamas, lo squalo limone (Negaprion brevirostris) che vedete sta "sorridendo".

A dire il vero il bestione, che può sfiorare i 3 metri e mezzo di lunghezza, è conosciuto per i suoi attacchi pericolosi e improvvisi a sub e surfisti nelle acque poco profonde delle coste americane. Chiamato così per il colore giallastro della sua pelle, ha denti uncinati che usa per sgranocchiare crostacei, pesci più piccoli, molluschi e uccelli marini.

Il duello all'ultimo sangue tra uno squalo e un'orca (video)

C'è chi gioca con gli squali: non ci credi? Guarda qui!

get_51443370_web

Questa ninfa - o larva - di libellula (sottorodine Anisoptera), sembra sorridere soddisfatta in una foto ingrandita.
Soltanto quando si sentirà pronta a "maturare" la piccoletta uscirà dall'acqua, respirerà a pieni polmoni (e non più con le branchie) e, attaccata a un ramo o a una roccia, si libererà dal suo esoscheletro larvale, per assumere fattezze e colori di una libellula adulta.

Prova a riconoscere un altro famigerato insetto dalla sua larva

reu_rtr17q78

Un signore israeliano presenta il suo Carlino, Ghandi, in una competizione in cui si valuta la somiglianza tra il cane e il suo "amico" umano. Avranno vinto? Chissà. Il sorriso in effetti è lo stesso...

Cani alla riscossa: le più belle foto di Fido

Cani che si tuffano: scatti spettacolari

Altri esempi commoventi di amicizia tra uomo e animali

get_97652127

Nonostante le apparenze questo allocco barrato (Strix varia) non sta affatto sorridendo: sta sbadigliando.

Scopri perché si dice "essere sciocchi come un allocco"

In volo con i rapaci più veloci del mondo: vai al video

plankton_web

Non è un fotomontaggio. Questo calamaro "sorride" davvero: a rendere l'animale - un esemplare di Helicocranchia pfefferi grande come un'arancia - così allegro, si fa per dire, è una striscia di pigmenti colorati disposta a forma di smile.

Sulle abitudini del calamaro "maialino", chiamato così per la forma tondeggiante e il buffo ciuffetto di tentacoli, non si sa ancora molto. Secondo gli esperti del Cabrillo Marine Aquarium di San Pedro (California) dove è custodito, non è un gran nuotatore e si aggira per i fondali oceanici a più di 100 metri di profondità, facendosi luce con due organi bioluminescenti posti dietro agli occhi.

I più buffi degli abissi! Le foto

Altre affascinanti creature marine in questa gallery

Foto: © Gary Florin, Cabrillo Marine Aquarium

reu_rtr32n2x

Un cammello (o dromedario, dato il dorso non si vede) mostra i denti in un momento di pausa presso una fonte d'acqua vicino alla città di Aleg, in Mauritania.

Non perderti la gallery dedicata ai denti del mondo animale

get_146141695

Curioso pattern a forma di faccia sorridente fotografato sulla superficie di un corallo vivente della specie Montastraea faveolata. Questi organismi endemici di Caraibi, Golfo del Messico, Florida e Bahamas, sono classificati come "in pericolo" nella lista IUCN: negli ultimi 30 anni i suoi esemplari sono diminuiti del 50% a causa di malattie e del bleaching, lo sbiancamento dei coralli dovuto principalmente all'aumento della temperatura dell'acqua.

iber_62234_web

Questa spensierata coccinella sembra quasi sorridere mentre si posa su un fungo. A ritrarla con una tale precisione è stato l'olandese Leon Baas, specializzato in macrofotografia. Grazie a lenti e obiettivi particolari Baas cattura i movimenti di formiche, scarabei, grilli e lumache senza perdersi neanche un dettaglio.

E a proposito di insetti, guardali da molto vicino in questa gallery 

Gli insetti più buffi e pazzi in circolazione: le foto

rtr2pvwlreu_copia

Sembra un sorriso ma è una seduta dal dentista. Sotto a trapani e tenaglie questa volta ci è finito un cavallo. Siamo in Colombia e questo non è poi un fatto così strano: per arrotondare lo stipendio, i dentisti spesso offrono le proprie prestazioni ai cavalli impiegati nelle gare di equitazione. I trattamenti proposti, che comprendono anche la realizzazione di stampi e attrezzature per correggere eventuali problemi con l'allineamento dei denti e il morso, vengono effettuati solitamente due volte al mese nell'arco di sei mesi, per un costo a seduta di 170 dollari (poco meno di 130 euro).

Per sapere tutto ma proprio tutto sui cavalli guarda qui.

zebra

I denti in bella mostra, insieme alle orecchie rivolte all'indietro, indicano che questa zebra è stata spaventata. Forse proprio dal fotografo.

reu_rtr1wxy9

Un tasso (Meles meles) sorride felice, e non ha tutti i torti: è stato salvato da un'inondazione che ha colpito l'immensa pianura alluvionale del Pantanal, in Bolivia. I denti di questo animale sono ben adattati a una dieta onnivora: oltre alla carne di vermi, ratti, talpe e insetti, questi mammiferi gradiscono anche frutta, cereali, tuberi e occasionalmente funghi.

spl_z300246

Decisamente buffa la faccia di questa libellula (Aeshna cyanea).
La famiglia delle Aeshnidae raggruppa le libellule più robuste dell'intero Ordine che vivono in tutto il mondo accanto all'acqua stagnate, in zone paludose, lungo sentieri e siepi ma anche in città. Le femmine depongono le uova in piccoli gruppi, all'interno di tagli praticati nella vegetazione.

npl_01209500

Una foca grigia (Halichoerus grypus) distesa sulla sabbia di Helgoland, Germania. Sembra che l'animale si stia rotolando dalle risate, ma in realtà la sua espressione è causata dalla tipica conformazione del muso.
Queste foche sono chiamate anche "maiali di mare dal naso a uncino", per via della stazza: un maschio adulto può arrivare a pesare anche 350 chili.

cavallo

Se due cavalli, un maschio e una femmina, si mostrano reciprocamente i denti, stanno probabilmente dimostrando disponibilità all'accoppiamento. Ma se un esemplare porta indietro le orecchie, le abbassa, e mostra i denti, è un segnale di crescente nervosismo: meglio stargli alla larga, se non si vuole rimediare un morso.

Non perderti la gallery dedicata ai cavalli

get_73406771_web

Non lasciatevi ingannare da quell'aria da simpaticona, questa canocchia pavone (Odontodactylus scyllarus) nascosta sui fondali di Bali, Indonesia, è una cacciatrice crudele. Conquistata la preda - granchi e altri piccoli crostacei - la prende "a botte" con le zampe per rompere il guscio e mangiare la carne.
Con la stessa violenza riesce a rompere in alcuni casi, anche il vetro degli acquari!

Leggi anche: il micidiale "sinistro" della canocchia pavone

asino

Sorride pacifico quest'asino (Equus asinus) fotografato dietro a una staccionata del Missouri (USA). Grazie al loro carattere socievole e aperto questi animali vengono spesso affiancati ai puledri svezzati e a tutti quegli animali da fattoria feriti, nervosi o in fase di recupero. Si dice che la presenza dell'asino abbia un effetto calmante e aiuti gli altri esemplari ad affrontare le situazioni di stress (per lo stesso motivo questi mammiferi sono sempre più spesso impiegati nella terapia con bambini disabili).

cane

Più che un sorriso, quella di questo cane sembra una risata vera e propria. E se l'espressione di felicità di un cane si legge soprattutto da altri segnali fisici, come il movimento della coda, secondo gli esperti anche tra i cani si possono distinguere gli ottimisti e i pessimisti (vai alla news).

Capisci cosa dice il tuo cane? Scoprilo con questo multimedia

Vuoi sapere a cosa sta pensando Fido? Te lo dice l'fMRI

capra

Il sorriso mette in risalto la dentatura di questa capra domestica (Capra hircus). Grazie a una notevole capacità di selezionare gli alimenti e le parti edibili di una stessa pianta, oltre al buon adattamento ai foraggi fibrosi, la capra viene allevata anche in luoghi dove non c'è ampia disponibilità di cibo e di verde.

Sapevi che anche le capre imparano un accento?

Come fanno le capre ad arrampicarsi sugli alberi?

cat

Chissa a che cosa starà pensando questo micio che sembra ridersela tra le vibrisse.
Avrà forse ammirato le gesta di Dusty, il gatto cleptomane o di quest'altro felino che si diverte a scoppiare le bolle di sapone.

Altre belle foto di gatti in questa gallery

Pensi di conoscere ogni abitudine del tuo gatto? Un test per scoprirlo

hippo

È più facile vedere un ippopotamo (Hippopotamus amphibius) "sorridere" - o meglio, è più facile vederlo tranquillo - d'inverno, quando le condizioni climatiche gli consentono di trascorrere la maggior parte della giornata a riposare immerso nell'acqua. Nella stagione secca, invece, quando le risorse sono più scarse e i predatori più numerosi, capita sovente di vedere questi bestioni mostrare comportamenti difensivi come sbadigli, battiti ripetuti delle fauci e morsi.

La lotta degli ippopotami: guarda il video

rana

L'espressione placida e sorniona di una rana.

Tutte le rane più curiose e simpatiche in questa gallery

tarsier

Il misterioso sorriso del tarsio delle Filippine (Tarsius Syrichta) è dovuto alla particolare conformazione della bocca, adatta a contenere piccoli denti aguzzi. Aggiungetevi due occhi sproporzionati e fissi nell'orbita e il ritratto del curioso primate è compiuto.

Guarda anche il tarsier che somiglia al Maestro Yoda

tip_armad18120_web

Tra il ghigno sinistro della sua dentatura e una graziosa "acconciatura" di farfalle, questo caimano del Paraguay (Caiman yacare) sembra essersi messo in posa per una foto.

Fortunatamente per il rettile non è ghiotto di lepidotteri, ma di lumacone di fiume e pesci d'acqua dolce, leccornie che si procura con le più fantasiose tecniche di caccia. Alcuni etologi l'hanno osservato comportarsi come una "diga", e radunare con la coda le prede a cui sbarra la strada. Ghiotto di pesci piranha, questo bestione (anche 3 metri di lunghezza) è spesso soprannominato "caimano Piranha", forse anche per l'inquietante dentatura che sfoggia.

Caimani, coccodrilli, lucertole... non perderti la gallery dedicata ai rettili

npl_01289286

Per riuscire a leccarsi un occhio con la punta della lingua, questo geco "coda a foglia" di Henkel ci ha regalato il più radioso dei suoi sorrisi.

Riesci a distinguere un altro geco, questa volta mimetico? Guarda

npl_01365468

Una sottospecie di pesce pappagallo, il pesce pappagallo "semaforo" (Sparisoma viride) fa sfoggio dei suoi dentoni. Questo pesce tipico dei fondali caraibici ha la particolarità di cambiare sesso - e colori - nel corso della sua vita: nasce maschio o femmina, ma nella seconda fase dell'esistenza è sempre maschio. Il soprannome di "semaforo" viene da una macchia gialla vicina alla pinna pettorale che lo rende immediatamente riconoscibile.

smiling-baby-gorilla

Yakini, un piccolo gorilla appena nato allo zoo di Melbourne (Australia) prima si spaventa per il freddo dello stetoscopio e poi sembra divertirsi al sollievo di non averlo più sulla pelle.

Non è un fotomontaggio. Questo calamaro "sorride" davvero: a rendere l'animale - un esemplare di Helicocranchia pfefferi grande come un'arancia - così allegro, si fa per dire, è una striscia di pigmenti colorati disposta a forma di smile.

Sulle abitudini del calamaro "maialino", chiamato così per la forma tondeggiante e il buffo ciuffetto di tentacoli, non si sa ancora molto. Secondo gli esperti del Cabrillo Marine Aquarium di San Pedro (California) dove è custodito, non è un gran nuotatore e si aggira per i fondali oceanici a più di 100 metri di profondità, facendosi luce con due organi bioluminescenti posti dietro agli occhi.

I più buffi degli abissi! Le foto

Altre affascinanti creature marine in questa gallery

Foto: © Gary Florin, Cabrillo Marine Aquarium