Speciale
Domande e Risposte
Animali

I carnivori regolano l'ora della caccia per non darsi fastidio tra di loro

Alcuni carnivori scelgono di andare a caccia quando non corrono il rischio di incontrare altre specie che predano gli stessi animali.

Quando pensiamo agli orari di attività degli animali tendiamo a raccoglierli in due macrocategorie: ci sono quelli diurni e quelli notturni. La realtà però è più complessa di così: la convivenza tra specie diverse in uno stesso territorio può creare difficoltà ad animali che si vedono costretti a dividere lo spazio, e il tempo, con la concorrenza – ed è per questo che alcune specie regolano i propri orari in modo da evitare di pestarsi le zampe a vicenda. Lo rileva uno studio condotto da un'equipe internazionale coordinata dall'Università di Hiroshima, pubblicato su Scientific Reports, che dimostra come alcuni mammiferi carnivori scelgano a che ora andare a caccia sia in base alla disponibilità di cibo, sia alla probabilità di incontrare o meno un collega.

Ritratti in foto. Lo studio racconta i risultati di osservazioni condotte nel Borneo tra il 2010 e il 2016 grazie all'utilizzo di 73 fotocamere dotate di sensori di movimento e di infrarossi (e capaci quindi di scattare foto anche di notte). L'esperimento, si legge nello studio, non copre sei anni consecutivi: per lunghi periodi non hanno funzionato (per esempio a causa del brutto tempo o di problemi logistici), e gli scatti coprono così un periodo di attività di circa tre anni. Comunque tutt'altro che breve, e così il team ha potuto lavorare su un totale di 37.379 foto; molte di queste ritraggono animali che si vedono una sola volta e poi mai più, ma alcuni hanno invece dimostrato maggiore regolarità: in totale i ricercatori hanno individuato nove specie di mammiferi carnivori che hanno prodotto abbastanza soggetti da costituire un campione significativo. Di queste, sei sono specie attive di notte e tre di giorno; l'ultima invece, l'orso malese, non ha preferenze.

I problemi del turismo. Quello che i ricercatori hanno notato osservando le foto di questi carnivori è che quelli che condividono l'orario di lavoro tendono a evitarsi: le specie notturne, per esempio, distribuiscono i loro periodi di caccia nell'arco dell'intera nottata, scaglionandosi. In altri casi la separazione è ancora più estrema: il gatto marmorato e il gatto leopardo sono due piccoli felini che condividono lo stesso areale e le stesse prede, ma il primo preferisce cacciare di giorno mentre il secondo di notte. Scoprire che i carnivori hanno orari differenziati può sembrare una semplice curiosità; la realtà è che conoscere quando e perché certi animali sono più o meno attivi aiuta a proteggerli meglio, e a modulare anche l'attività umana intorno alle loro necessità.

Compresa quella turistica: un'altra cosa che si legge nello studio è che anche l'ecoturismo, che dovrebbe essere "buono" e poco invasivo, può disturbare gli orari di certe specie, e forzarle a cambiare abitudini. Insomma, tra le tante cose di cui dobbiamo tenere conto se vogliamo proteggere la natura possiamo aggiungere "il rispetto delle fasce orarie".

10 novembre 2021 Gabriele Ferrari
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Scipione e Annibale, Mario e Silla, Demostene e Filippo II di Macedonia... I giganti della Storia che hanno passato la loro vita a combattersi, sui campi di battaglia e non solo. E ancora: l'omicidio di Ruggero Pascoli, il padre del famoso poeta, rimasto impunito; il giro del mondo di Magellano e di chi tornò per raccontarlo; la rivoluzione scientifica e sociale della pillola anticoncezionale; nelle prigioni italiane dell'Ottocento; come, e perché, l'Inghilterra iniziò a colonizzare l'Irlanda.

 

ABBONATI A 29,90€

Tigri, orsi, bisonti, leopardi delle nevi e non solo: il ricco ed esclusivo dossier di Focus, realizzato in collaborazione con il Wwf, racconta casi emblematici di animali da salvare. E ancora: come la plastica sta entrando anche nel nostro organismo; che cos’è l’entanglement quantistico; come sfruttare i giacimenti di rifiuti elettronici; i progetti più innovativi per poter catturare l’anidride carbonica presente nell’atmosfera.

ABBONATI A 31,90€
Follow us