Speciale
Domande e Risposte
Animali

È possibile capire le emozioni dei maiali dai loro grugniti?

Un nuovo sistema basato sul machine learning fa una diagnosi della salute dei maiali analizzando i diversi tipi di grugniti.

Se conoscete una persona che lavora con i maiali, provate a chiederle qual è la prima cosa che le viene in mente quando pensa a questi animali. Credeteci, non vi risponderà "l'odore", ma "il rumore". Tra gli animali da allevamento, i suini sono forse i più vocali: parlano in continuazione, non solo in situazioni di stress o eccitazione, ma anche quando è tutto tranquillo.

Ecco perché studiare le loro vocalizzazioni è più facile che per altri animali: la mole di dati a disposizione è enorme. E può venire utilizzata per valutare la loro salute e migliorarne il benessere: è quello che fa un nuovo algoritmo, sviluppato dall'Università di Copenaghen in collaborazione con altre cinque università europee, che registra e analizza i versi dei maiali per misurarne lo stato di salute fisica e mentale. Il sistema e i suoi utilizzi sono raccontati in uno studio pubblicato su Scientific Reports.

Grugniti di gioia e urla di dolore. Lo studio è stato condotto in Danimarca, il Paese europeo con il più alto numero di maiali pro capite; in totale gli allevamenti delle campagne danesi ospitano 31,2 milioni di maiali. Tra questi, 411 sono diventati soggetto della prima fase dello studio, nel corso della quale il gruppo di ricerca ha registrato 7.000 diverse vocalizzazioni catturate in diversi momenti della vita degli animali (compresi i peggiori, quelli che precedono il macello) e le ha classificate in 19 categorie.

I dati sono poi stati dati in pasto a un programma di machine learning, che ha imparato a riconoscere la natura dei differenti versi e a usarla come confronto di fronte a un nuovo grugnito. Non solo: l'algoritmo è in grado di riconoscere non solo se un verso esprime gioia, stress, preoccupazione o rabbia, ma anche il contesto nel quale è stato emesso.

Primo allarme. L'algoritmo si è dimostrato efficace nel riconoscere la valenza di un grugnito (positivo o negativo) nel 92% dei casi, e in grado di identificare correttamente il contesto nell'82% dei casi. Non siamo ancora alla perfezione, ma i risultati sono comunque incoraggianti – anche perché il sistema di per sé non è pensato per essere autosufficiente ma per collaborare con la persona o le persone che si occupano degli animali.

Nello studio che presenta il sistema, si legge che l'algoritmo di riconoscimento dei grugniti è "uno tra i tanti strumenti che si possono usare per monitorare la salute dei maiali": idealmente dovrebbe fungere da primo allarme e segnalare eventuali versi preoccupanti o che vale la pena investigare; sta però a noi umani agire di conseguenza.

28 aprile 2022 Gabriele Ferrari
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Oggi il presidente ucraino Zelensky, ieri l'imperatore Claudio, la contessa-guerriera Caterina Sforza, il sindacalista Lech Walesa, il sovrano Giorgio VI... Tutti leader per caso (o per forza) che le circostanze hanno spinto a mettersi in gioco per cambiare il corso della Storia. E ancora: nella Urbino di Federico da Montefeltro, un grande protagonista del Rinascimento; 30 anni fa, la morte di Giovanni Falcone a Capaci; lo scandalo Watergate che costrinse il presidente Nixon alle dimissioni; i misteri, mai risolti, attorno all'omicidio di Giovanni Borgia.

ABBONATI A 29,90€

Il mare è vita eppure lo stiamo sfruttando e inquinando rischiando il collasso dell’ecosistema globale. Per salvarlo dobbiamo intervenire. Come? Inoltre: perché è difficile prendere decisioni; esiste l'archivio globale dei volti; come interagire con complottisti e negazionisti; perché i traumi di guerra sono psicologicamente pesanti.

ABBONATI A 31,90€
Follow us