Animali

Nel caos climatico, i bombi rischiano l'estinzione

I picchi di caldo estremo e siccità innescati dal global warming non favoriscono i bombi, il cui numero si sta riducendo.

Secondo uno studio condotto dall'Università di Ottawa (Canada) e pubblicato su Science, la popolazione di bombi (gen. Bombus) di Europa e Nord America si starebbe drasticamente riducendo a causa degli estremi di temperatura dovuti ai cambiamenti climatici. Il riscaldamento globale sta creando non pochi problemi a questi insetti imenotteri, che a causa delle stagioni sregolate arrivano in ritardo per l'impollinazione e si sono dovuti adattare a una ridotta disponibilità di fiori. I dati che emergono dalla nuova ricerca non sono affatto rassicuranti, tanto che i ricercatori parlano di "estinzione di massa": nel corso di un'unica generazione umana, la popolazione di bombi si sarebbe ridotta in media di oltre il 30%.

Lo studio. Il team ha analizzato 66 specie di bombi che popolavano Nord America ed Europa tra il 1901 e il 1974, confrontandoli con quelle viventi nelle stesse zone tra il 2000 e il 2014. In Europa la popolazione di bombi è calata del 17% tra un periodo e l'altro, e in Nord America addirittura del 46%. Studiando il clima del passato e osservando la modalità e la frequenza con cui si sono verificati eventi estremi (come periodi di siccità o di caldo particolarmente intenso), gli esperti hanno creato un modello per predire le estinzioni a livello locale, «e sapere se i bombi potranno o meno sopportare le temperature previste».

Preserviamo la biodiversità. I bombi sono gli impollinatori più importanti che abbiamo: promuovono la biodiversità, e utilizzano l'apparato boccale per impollinare molti raccolti, tra cui quelli di pomodori, mirtilli e patate. «La popolazione di bombi continuerà a diminuire se non facciamo qualcosa per proteggerli», afferma Tim Newbold del Centre for Biodiversity & Environment Research dell'University College London. «Dobbiamo mantenere gli habitat che offrono riparo: come alberi e arbusti, che permettono ai bombi di scappare dal caldo». Secondo Peter Soroye, dottorando a capo dello studio, se nulla cambierà e il numero di bombi dovesse continuare a ridursi a questa velocità, «molte di queste specie svaniranno per sempre nel giro di pochi decenni».

24 febbraio 2020 Chiara Guzzonato
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Tre colpi, una manciata di secondi e JFK, il presidente americano più carismatico e popolare disempre finiva di vivere. A 60 anni di distanza, restano ancora senza risposta molte domande sudinamica, movente e mandanti del brutale assassinio. Su questo numero, la cronaca di cosa accadde quel 22 novembre 1963 a Dallas e la ricostruzione delle indagini che seguirono. E ancora: nei campi di concentramento italiani, incubo di ebrei e dissidenti; la vita scandalosa di Colette, la scrittrice più amata di Francia; quello che resta della Roma medievale.

ABBONATI A 29,90€

La caduta di un asteroide 66 milioni di anni fa cambiò per sempre gli equilibri della Terra. Ecco le ultime scoperte che sono iniziate in Italia... E ancora: a che cosa ci serve ridere; come fanno a essere indistruttibili i congegni che "raccontano" gli incidenti aerei; come sarebbe la nostra società se anche noi andassimo in letargo nei periodi freddi; tutti i segreti del fegato, l'organo che lavora in silenzio nel nostro corpo è una sofisticata fabbrica chimica.

ABBONATI A 31,90€
Follow us