Animali

Per i cani la voce del padrone è come quella di una madre per il suo bambino

Studiati i meccanismi che scattano nel cervello di un cane quando sente la voce del padrone: assomigliano a quelli che legano un bambino alla madre.

Provate a chiedere a proprietari di cani o gatti quale sia la differenza fondamentale tra i due: la maggior parte delle risposte si incentreranno probabilmente sul modo in cui gli uni e gli altri reagiscono alla voce del padrone - dare un ordine a un gatto è impossibile, mentre i cani sono famosi per la loro capacità di capire cosa viene loro chiesto e di eseguirlo. Cosa significa tutto questo per il cane, però? Che cos'ha la voce umana (e non tutte le voci umane, ma una in particolare) che i nostri migliori amici trovano così attraente e degna di fiducia?

La spiegazione, finalmente. Uno studio pubblicato su NeuroImage spiega per la prima volta quali siano i meccanismi che scattano nel cervello di un cane quando sente la voce del suo umano, e rivela che sono sorprendentemente simili a quelli che legano un bambino a sua madre.

Per scoprire gli effetti della voce umana sul cervello dei cani, il team di ricerca ha utilizzato un classico esperimento al quale vengono di solito sottoposti i bambini, il cosiddetto "strange situation experiment". Si tratta di una procedura in otto passaggi durante la quale un bambino viene lasciato giocare in una stanza a lui sconosciuta dalla quale entrano ed escono in continuazione una serie di adulti - i genitori, ma anche una serie di sconosciuti. Osservando le risposte del bambino alle differenti situazioni ci si può fare un'idea di quale sia la sua reazione di fronte a persone mai viste prima e quale sia il suo attaccamento ai genitori (e quanta ansia gli procuri la loro assenza).

E ora i cani. I cani dello studio sono stati sottoposti allo stesso tipo di trattamento, e nel frattempo il loro cervello è stato monitorato tramite risonanza magnetica funzionale, per scoprire quali aree si attivassero di più e in quale situazione.

Focus 348 (ottobre 2021)
Le staordinarie capacità dei ficcanaso di professione, di Gabriele Ferrari, su Focus 348 (ottobre 2021).

Quello che il gruppo ha scoperto è che a livello cerebrale un cane reagisce alla voce del padrone esattamente come un bambino reagisce a quella della madre: il loro centro della ricompensa (la parte del cervello che "somministra" le sostanze che producono sensazioni di piacere) è più attivo quando a parlare è il suo umano di fiducia, e questo tipo di reazione non cambia anche quando il padrone non è in vista - in altre parole, al vostro cane basta sentire la vostra voce per essere felice, anche se non vi vede (per cui se siete in trasferta telefonate!). In più, le reazioni positive alla voce umana non sono legate a lodi o altri complimenti: al cane interessa il suono che emettete, non necessariamente quello che gli state dicendo.

Non finisce qui. Il parallelismo tra il rapporto madre/figlio e quello cane/padrone potrebbe nascondere ulteriori benefici per i quadrupedi: un recente studio ha dimostrato che la voce della madre riduce lo stress in un bambino nato prematuro e sottoposto a terapie (per esempio intubazione e alimentazione forzata), e per i cani potrebbe valere lo stesso.

1 ottobre 2021 Gabriele Ferrari
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

ll ritratto, le scoperte, il viaggio sul brigantino Beagle di Charles Darwin, il grande naturalista che riscrisse le leggi della vita e sfidò il pensiero scientifico e religioso del suo tempo. E ancora: la mappa delle isole linguistiche in Italia, per capire dove e perché si parla cimbro, occitano, grecanico o albanese; niente abiti preziosi, gioielli e feste: quando l'ostentazione del lusso era vietata; ritorno a Tientsin, un angolo di Cina “made in Italy”.

ABBONATI A 29,90€

La scienza sta già studiando il futuro di chi abiterà il nostro Pianeta. Le basi lunari e marziane saranno il primo step per poi puntare a viaggi verso stelle così lontane da richiedere equipaggi che forse trascorreranno tutta la vita in astronavi-città. Inoltre: quanto conta il sesso nella vita di coppia; i metodi più efficaci per memorizzare e ricordare; perché dopo il covid l'olfatto e il gusto restano danneggiati. E come sempre l'inserto speciale Focus Domande&Risposte ricco di curiosi quesiti ai quali rispondono studi scientifici.

ABBONATI A 29,90€
Follow us