Animali

I cani sono geneticamente portati a interagire con noi?

Un nuovo studio suggerisce che la capacità dei cani di comunicare con gli esseri umani sia innata, non appresa.

Quello tra uomo e cane è un rapporto nato migliaia di anni fa e che ha cambiato irreversibilmente entrambe le specie. Le origini di questa unione risalgono al Pleistocene, tra i 20 e i 40.000 anni fa, e chi si occupa di comportamento animale si interroga da decenni su quali meccanismi abbiano fatto scattare la scintilla, e che cosa abbia di speciale il cane rispetto ad altre specie. Un team di ricerca della Arizona School of Anthropology ha di recente pubblicato su Current Biology i risultati di un nuovo studio che dimostra come la capacità del cane di "capire" al volo l'uomo, anche senza alcun addestramento, compare molto presto nel ciclo di vita dell'animale: secondo gli autori questo significa che è una carattere ereditato dai genitori, e che alla base del rapporto tra uomo e cane ci sia anche la genetica.

Il saggio indica la luna, il cane guarda il dito. Il gruppo che si è occupato della ricerca lavora da circa dieci anni in collaborazione con Canine Companions, una compagnia californiana che addestra cani da lavoro che si occupano di assistenza alle persone disabili. I membri del team studiano il modo in cui i cani risolvono problemi e imparano dalle loro azioni, e come queste abilità di sviluppano con l'età; per il nuovo studio hanno deciso di mettere alla prova le capacità di interazione con gli esseri umani in esemplari molto giovani (8 settimane), e quindi non ancora sottoposti ad alcun addestramento specifico. Hanno quindi condotto una serie di esperimenti - per esempio, osservare se un esemplare di due mesi risponde a indicazioni date a gesti o a parole - e, come prima cosa, hanno scoperto che tutti i cuccioli reagivano in qualche modo a questa forma di interazione, seguendo i gesti delle mani e facendo attenzione ai suoni che uscivano dalla bocca degli esseri umani.

Geneticamente amici? Anche senza addestramento, quindi, i cani sono "portati" a capirci al volo. Non solo: i 375 esemplari studiati erano tutti animali da allevamento, dal pedigree ben noto. Questo ha permesso di tenere traccia delle loro parentele e della vicinanza genetica tra cani diversi: un'analisi dei risultati ha dimostrato che il tasso di attenzione agli umani non è costante nei cuccioli, ma varia del 40% circa tra i cani più attenti e quelli più svagati. Secondo gli autori dello studio, questo significa che la predisposizione canina all'interazione umana è genetica, non determinata da fattori ambientali (per esempio l'addestramento), e dunque questi animali nascono già pronti per diventare i nostri migliori amici - alcuni sono più portati, altri meno, ma un certo grado di interazione è presente in tutti i cani.

Ovviamente non conosciamo ancora nel dettaglio i meccanismi che regolano questa capacità; secondo gli autori, però, non c'è dubbio che ci sia qualcosa di innato nel modo in cui i cani ci capiscono al volo, e il prossimo passo sarà identificare questa base genetica che il loro esperimento sembra suggerire.

12 giugno 2021 Gabriele Ferrari
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Sulle orme di Marco Polo, il nostro viaggiatore più illustre che 700 anni fa dedicò un terzo della sua vita all’esplorazione e alla conoscenza dell’Oriente, in un’esperienza straordinaria che poi condivise con tutto il mondo attraverso "Il Milione". E ancora: un film da Oscar ci fa riscoprire la figura di Rudolf Höss, il comandante di Auschwitz che viveva tranquillo e felice con la sua famiglia proprio accanto al muro del Lager; le legge e le norme che nei secoli hanno vessato le donne; 100 anni fa nasceva Franco Basaglia, lo psichiatra che "liberò" i malati rinchiusi nei manicomi.

ABBONATI A 29,90€

Che cosa c’era "prima"? Il Big Bang è stato sempre considerato l’inizio dell’universo, ma ora si ritiene che il "nulla" precedente fosse un vuoto in veloce espansione. Inoltre, come si evacua un aereo in caso di emergenza? Il training necessario e gli accorgimenti tecnici; che effetto fa alla psiche il cambiamento climatico? Genera ansia ai giovani; esiste la distinzione tra sesso e genere tra gli animali? In alcune specie sì. Con quali tecniche un edificio può resistere a scosse devastanti? Siamo andati nei laboratori a prova di terremoti.

 

ABBONATI A 31,90€
Follow us