Speciale
Domande e Risposte
Animali

I cani dei padroni allergici sono allergici?

I cani assomigliano ai loro padroni anche in caso di allergie. È il risultato di un confronto tra cani-padroni di campagna e cani-padroni di città.

Incredibile ma vero: se sei allergico, anche il tuo cane può esserlo. Lo sostiene uno studio dell'Università di Helsinki (Finlandia) che ha dimostrato come l'insieme dei microrganismi presenti sulla pelle di cani e padroni sia molto simile. Per dimostrarlo i ricercatori hanno preso in esame 168 coppie cane-padrone: una parte di esse viveva in campagna, una parte in città.

Hanno così scoperto che i cani e i padroni che vivevano in contesti rurali avevano una ricca flora microbica sulla cute e pertanto soffrivano raramente di allergie (i batteri presenti erano in gran parte gli stessi). Invece, le coppie di città avevano una minore varietà di microrganismi della pelle e, pertanto, una maggiore incidenza di allergie.

batteri simili. Ormai è noto, infatti, che la presenza sulla cute di molti tipi di microrganismi porta a sviluppare meno allergie. Per cui, visto che i batteri sulla pelle sono dello stesso tipo, se il padrone (più facilmente cittadino) è allergico, di solito lo è anche il cane. 

Infatti, per evitare allergie ai bambini, diversi studi scientifici hanno dimostrato che la convivenza con animali domestici è utile: i piccoli che fin dalla nascita vivono con un cane o con un gatto hanno la metà di probabilità di sviluppare allergie rispetto a chi non li possiede, proprio perché familiarizzano con i batteri trasportati dal pelo o dalla saliva del loro pet. 

È in edicola il nuovo Focus Domande & Risposte!

6 aprile 2021 Raffaella Procenzano
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us