Animali

Quando hanno imparato a saltare i canguri?

I canguri che si muovono a grandi balzi sono una peculiarità evolutiva moderna: i loro antenato usavano anche altri modi per spostarsi.

Tra i modi per spostarsi, saltare, non è quello più comodo del mondo: costa tanta energia e richiede strutture specializzate sia a livello scheletrico sia muscolare. Nonostante questo, i canguri lo fanno tutto il giorno, e senza troppi problemi, tanto che siamo abituati ad associare (anche nel linguaggio di tutti i giorni) l'idea stessa di "salto" ai marsupiali australiani. Eppure non è sempre andata così: già nove anni fa avevamo scoperto un gruppo estinto di antenati del canguro che si spostavano camminando su due zampe.

Ora sappiamo con più precisione che il salto non è un'abitudine consolidata fin dall'antichità, nemmeno tra questi animali: uno studio pubblicato su Alcheringa: An Australasian Journal of Palaeontology, che ha analizzato i metodi di locomozione dei canguri negli ultimi 25 milioni di anni, ha dimostrato che i salti degli attuali marsupiali australiani sono addirittura "un'eccezione nell'evoluzione dei canguri", come ha detto la prima autrice dello studio, Christine Janis dell'Università di Bristol (Regno Unito).

Come si è arrivati al salto? Lo studio è nato dalla considerazione che la maggior parte delle ricerche sulla locomozione dei canguri si sono finora concentrate sulle specie di grandi dimensioni, trascurando o ignorando quelle più piccole e lasciando quindi un grosso buco in quello che sappiamo della loro evoluzione.

Per rimediare a questa mancanza, il team ha analizzato e confrontato una serie di strutture ossee, in particolare la tibia e il calcagno, che sono fondamentali per la deambulazione e ne determinano le modalità. L'analisi ha dimostrato che sono pochissimi i canguri che si muovono saltando, e appartengono tutti a linee evolutive molto recenti. I primi canguri di grandi dimensioni sono comparsi infatti 10 milioni di anni fa, ma per lungo tempo non hanno saltato come fanno oggi.

Colpa del clima. Usavano invece altri metodi, perché per muoversi a salti bisogna avere un rapporto preciso tra la massa corporea totale, la massa muscolare e lo scheletro. I canguri ci hanno messo quindi un po' a trovare la giusta misura: prima di farlo si muovevano in altri modi, per esempio correndo a quattro zampe. Fino a 50.000 anni fa, l'Australia era quindi popolata di canguri che si spostavano in tanti modi diversi.

Poi è successo qualcosa che ancora non sappiamo di preciso, ma che è probabilmente legato al clima e in particolare all'aumento del tasso di aridità del continente, e che ha portato i canguri a specializzarsi nel metodo di locomozione più adatto al nuovo ambiente, lasciandosi alle spalle le corse a quattro zampe e altri metodi ormai obsoleti.

9 luglio 2023 Gabriele Ferrari
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us