Speciale
Domande e Risposte
Animali

Il nostro cane è davvero così geloso di noi?

Se pensate che il vostro cane faccia scenate di gelosia quando ne avvicinate un altro, sappiate che è vero: lo è addirittura se soltanto se lo immagina.

Se avete un cane probabilmente già sapete che è molto geloso di voi, e che se vi vede interagire con un rivale (cioè un altro cane) può mostrare segni di nervosismo e agitazione, per esempio tirando il guinzaglio o abbaiando per attirare la vostra attenzione. Finora, però, gli studi sull'argomento si sono basati soprattutto su quello che riportano i padroni a riguardo.

gelosi per amore. E siccome più dell'80% racconta di avere assistito a "scenate" di gelosia da parte del proprio amico a quattro zampe, un team dell'università di Auckland ha deciso di testare sperimentalmente questa ipotesi, e di confermare che i nostri migliori sono capaci di provare questo sentimento così umano. I risultati sono pubblicati su Psychological Science e, se avete un cane, vi consoleranno: non vi siete inventati nulla perché è veramente geloso di voi. E la cosa più curiosa è che, per esserlo, non gli serve neanche vedervi interagire con un altro cane: gli basta immaginarlo.

Amalia Bastos, dottoranda ad Auckland e prima autrice dello studio, spiega che l'idea le è venuta proprio a partire dai tanti aneddoti che le sono stati raccontati dai padroni di cani: «Moltissime persone che hanno un cane sono fermamente convinte che l'animale sia geloso di loro, e che lo dimostri ogni volta interagiscono con un potenziale rivalena quattro zampe. Abbiamo messo alla prova questa ipotesi, e anche provato se i cani, come gli umani, sono in grado di immaginarsi queste situazioni o se hanno bisogno di viverle in prima persona per reagire».

Reazioni canine. Per scoprirlo, il team ha coinvolto 18 cani in un esperimento molto semplice, che prevedeva di separarli dal padrone e di mettere quest'ultimo vicino non a un altro cane, ma al cartonato ("molto realistico") di un cane, o in alternativa vicino a un semplice cilindro coperto di lana. Dopodiché, l'esperimento prevedeva di sollevare una barriera che oscurasse il finto cane (o il cilindro) alla vista del cane vero, e di osservare le sue reazioni.

Ai padroni è stato quindi chiesto di accarezzare il finto cane nascosto in quel momento alla vista del cane vero ma sempre presente nella sua testa. I cani, proprio come se il padrone stesse dando attenzione a un rivale, hanno reagito tirando il guinzaglio, chiamandolo e cercando di raggiungerlo oltre la barriera. Questo nel caso in cui l'animale avesse visto il "rivale" nascondersi dietro la barriera stessa.

Lontano dagli occhi, vicino al cuore. Quando invece, al posto del cartonato, c'era il cilindro di lana che gli animali avevano immediatamente identificato come un oggetto inanimato e non un rivale, i cani hanno reagito con più calma e dignità, non mostrando alcun segno di gelosia. In questo senso, il comportamento dei cani è molto simile al nostro: la loro gelosia viene diretta contro quelli che percepiscono come potenziali rivali sociali, e scatta anche quando il rivale in questione non è visibile, ma solo immaginato.

È in edicola il nuovo Focus Domande & Risposte!

24 aprile 2021 Gabriele Ferrari
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us