Animali

Il calabrone asiatico killer di api è arrivato negli USA

Il calabrone gigante asiatico, che esce dal letargo in primavera, è una specie molto pericolosa soprattutto per le api, che vengono uccise in modo atroce.

Un calabrone lungo 5 centimetri, con un'apertura alare di 7,5: non sarà l'ottava piaga d'Egitto, ma potrebbe ora diventare la seconda per gli USA, dopo la pandemia da CoViD-19. Soprannominato "calabrone assassino", il calabrone gigante asiatico (Vespa mandarinia), il più grande al mondo, è stato avvistato nello stato di Washington per la prima volta a dicembre dello scorso anno, ed è tornato con l'inizio della primavera.

Il decapitatore folle. Il calabrone assassino non è generalmente aggressivo nei confronti di uomini e animali da compagnia, ma attacca se viene provocato: nel 2013, nella provincia cinese dello Shaanxi, ha ucciso 41 persone e ne ha ferite 1.600. In Giappone, riporta il New York Times, uccide in media cinquanta persone ogni anno.

Tuttavia, il suo obiettivo principale sono le api: come riferisce il Washington State Department of Agriculture (WSDA), il "ministero per l'agricoltura" dello stato di Washington, le attacca e le uccide in modo brutale, spesso decapitandole. Bastano pochi calabroni giganti per distruggere un alveare nel giro di qualche ora. Una volta eliminati gli inquilini, i calabroni si appropriano dell'alveare, difendendolo come nuovo nido.

Agire in fretta. Gli scienziati sottolineano l'importanza di prestare attenzione a questi insetti, di non cercare autonomamente di tirarli fuori da un alveare e, come avverte l'entomologo Chris Looney del WSDA, di stare alla larga e avvertire le autorità: «È importante agire ora per impedire che si stabilisca qui definitivamente», specifica Looney. «Se non agiamo entro i prossimi due anni, probabilmente sarà troppo tardi».

8 maggio 2020 Chiara Guzzonato
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us