Ambiente

Cacciare la volpe fa bene alla natura

I terreni in cui i lord cacciano le volpi sono più ricchi di boschi. Una giustificazione per uccidere i piccoli predatori?

Cacciare la volpe fa bene alla natura
I terreni in cui i lord cacciano le volpi sono più ricchi di boschi. Una giustificazione per uccidere i piccoli predatori?

Una volpe nella campagna inglese. Secondo alcuni studi, la caccia alla volpe fa bene all'ambiente, perché i proprietari salvaguardano i boschi.
Una volpe nella campagna inglese. Secondo alcuni studi, la caccia alla volpe fa bene all'ambiente, perché i proprietari salvaguardano i boschi.

Sembra che mantenere un terreno per la caccia aiuti a salvaguardare boschi e siepi, specie in Inghilterra. La controversa indagine, sviluppata da alcuni ricercatori del Durrell Institute of Conservation and Ecology dell'università del Kent, ha dato risultati interessanti. Molti terreni di proprietà privata sono utilizzati come terreno per la caccia alla volpe o alle pernici. Altri, sempre privati, sono invece usati solo come terreni agricoli. Per ragioni che hanno strettamente a che fare con la caccia, i terreni adibiti all'uccisione di animali sono più ricchi di boschi e di siepi, e i loro proprietari approfittano con maggiore oculatezza dei sussidi che il governo concede a chi conserva la biodiversità. Per questo usano i finanziamenti per ripiantare alberi e siepi, aumentando quindi il territorio per tutte le specie animali. I proprietari che consentono la caccia alla volpe e alle pernici sul loro terreno hanno così circa il 7 per cento di terreno della loro proprietà coperto da boschi, contro meno dell'1 per cento di proprietari non cacciatori. Sembra anche che la caccia alla volpe sia un incentivo a piantare altre siepi, uno degli ambienti più ricchi di specie animali e vegetali e più importanti per la biodiversità dell'Inghilterra.

(Notizia aggiornata al 1 giugno 2003)

29 maggio 2003
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

In viaggio con Dante Alighieri: per scoprire il “suo” Medioevo, seguirlo sulla via dell'esilio e capire i motivi che lo spinsero a scrivere la Divina Commedia, pietra miliare della lingua e della letteratura italiana. E ancora: i segreti di Madame Claude, la maitresse più famosa di Parigi che “inventò” le ragazze squillo; nella Napoli di Gioacchino Murat, il cognato coraggioso e spavaldo di Napoleone.

ABBONATI A 29,90€

Le nostre attività lasciano un’impronta sull’ambiente, ma dobbiamo vivere in un mondo più sostenibile. Come fare? Inoltre: Voyager 2, la navicella più longeva nella storia delle missioni spaziali; come funzionano i reparti di terapia intensiva dove si curano i malati della CoViD-19; cos'è davvero il letargo per gli animali.

ABBONATI A 29,90€

Sul nuovo numero di Focus Domande&Risposte tantissime domande e risposte curiose e inaspettate nel nome della scienza. Per esempio: è vero che la musica fa cambiare sapore al formaggio? E che mariti e mogli con il tempo si assomigliano? E che la solitudine cambia il nostro cervello?

ABBONATI A 29,90€
Follow us