Cacciare la volpe fa bene alla natura

I terreni in cui i lord cacciano le volpi sono più ricchi di boschi. Una giustificazione per uccidere i piccoli predatori?

200353015418_14
|

Cacciare la volpe fa bene alla natura
I terreni in cui i lord cacciano le volpi sono più ricchi di boschi. Una giustificazione per uccidere i piccoli predatori?

 

Una volpe nella campagna inglese. Secondo alcuni studi, la caccia alla volpe fa bene all'ambiente, perché i proprietari salvaguardano i boschi.
Una volpe nella campagna inglese. Secondo alcuni studi, la caccia alla volpe fa bene all'ambiente, perché i proprietari salvaguardano i boschi.

 

Sembra che mantenere un terreno per la caccia aiuti a salvaguardare boschi e siepi, specie in Inghilterra. La controversa indagine, sviluppata da alcuni ricercatori del Durrell Institute of Conservation and Ecology dell'università del Kent, ha dato risultati interessanti. Molti terreni di proprietà privata sono utilizzati come terreno per la caccia alla volpe o alle pernici. Altri, sempre privati, sono invece usati solo come terreni agricoli. Per ragioni che hanno strettamente a che fare con la caccia, i terreni adibiti all'uccisione di animali sono più ricchi di boschi e di siepi, e i loro proprietari approfittano con maggiore oculatezza dei sussidi che il governo concede a chi conserva la biodiversità. Per questo usano i finanziamenti per ripiantare alberi e siepi, aumentando quindi il territorio per tutte le specie animali. I proprietari che consentono la caccia alla volpe e alle pernici sul loro terreno hanno così circa il 7 per cento di terreno della loro proprietà coperto da boschi, contro meno dell'1 per cento di proprietari non cacciatori. Sembra anche che la caccia alla volpe sia un incentivo a piantare altre siepi, uno degli ambienti più ricchi di specie animali e vegetali e più importanti per la biodiversità dell'Inghilterra.

(Notizia aggiornata al 1 giugno 2003)

 

29 maggio 2003