Animali

I nostri antenati europei cacciavano le balene già 3.500 anni prima di Cristo (con danni irreparabili)

Uno studio archeologico dimostra che almeno due specie di balene sono state portate all'estinzione dalle coste europee per la spietata caccia iniziata millenni fa.

La caccia alle balene su scala industriale è una piaga relativamente recente, cominciata nell'Ottocento in seguito a un aumento vertiginoso della domanda di prodotti di derivazione cetacea. Ma le popolazioni europee la praticano da millenni; e anche quando i metodi a loro disposizione erano più, diciamo così, artigianali e meno adatti alle stragi di massa, l'appetito dei nostri antenati per le balene ha causato dei danni irreparabili. Lo sostiene uno studio pubblicato su The Royal Society Publishing che ha analizzato le pratiche della baleneria nelle zone dell'Europa affacciate sull'Atlantico dal 3.500 a.C. fino al XVII secolo; l'analisi ha dimostrato che, un tempo, nelle acque europee nuotavano due specie di balene che oggi sono localmente estinte.

Dove sono le "nostre" balene? Lo studio si è avvalso di 719 campioni raccolti in decine di siti diversi lungo la costa atlantica del continente, dal Portogallo fino alla Norvegia; campioni rappresentati da ossa di balene, e che coprivano un arco temporale di 5.000 anni. Il team ha poi analizzato la composizione di una particolare proteina, il collagene, che si sviluppa in modi diversi tra le differenti specie di cetacei: ogni balena ha la sua composizione caratteristica, ed è quindi possibile identificarne la tassonomia in maniera inequivocabile.

I risultati di quest'analisi hanno restituito un quadro all'apparenza inaspettato, quasi contraddittorio rispetto a quanto sappiamo oggi delle balene europee. Da un lato, infatti, i frammenti di ossa appartenenti alle specie più diffuse oggi (soprattutto la balenottera minore) e quelli di specie particolarmente soggette alla caccia (balenottera azzurra, megattera) erano numericamente sottorappresentati. Dall'altro, il team ha riscontrato un'abbondanza di ossa appartenenti a balene grigie e balene franche nordatlantiche, che oggi sono totalmente assenti dalle aree studiate.

Troppe? Le conclusioni che si possono trarre da questi risultati ci dicono che, prima dell'ascesa della baleneria su scala industriale, le acque dell'Europa atlantica erano abitate da specie che oggi sono diffuse altrove, in America o in Asia. I nostri antenati le hanno estirpate con la caccia intensiva, e il risultato è che, quando la caccia alle balene è diventato un affare internazionale, le specie a disposizione erano quelle che non compaiono nei record storici.

Facili da cacciare? Quale sia il motivo di questo cambio di prospettiva non è chiaro: l'ipotesi più accreditata è che le balene grigie e le balene franche fossero più facili da cacciare, o più semplicemente che fossero le due specie più numerose nell'Atlantico europeo. Con il tempo (e la pesca costante) i loro numeri si sono ridotti fino ad azzerarsi, e i cacciatori di balene hanno quindi dovuto cambiare bersagli – proprio quando cominciavano a nascere metodi per una caccia più efficiente e su larga scala.

27 settembre 2023 Gabriele Ferrari
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us