Animali

Bugie sugli animali: la vipera

Non è vero che ha il morso più lesto tra tutti gli esseri striscianti. Ciò nonostante, se le siete vicino, meglio non distrarsi neanche per il tempo di un battito di ciglia.

È la vipera ad avere l'attacco più fulmineo e micidiale tra tutti i serpenti, come spesso si sente dire? Sembrerebbe di no. Il morso dei rettili di questa famiglia è lesto, ma altri serpenti non velenosi ottengono performance praticamente uguali.

Dispetti pericolosi. A demolire l'ennesimo luogo comune sul mondo animale sono stati tre ricercatori dell'Università della Louisiana di Lafayette (USA). Sprezzanti del pericolo, i biologi hanno stuzzicato con un guanto tre specie di serpenti - un Crotalo adamantino occidentale (Crotalus atrox), un mocassino occidentale (Agkistrodon piscivorus leucostoma) e un serpente dei ratti americano (Elaphe obsoleta lindheimeri) - filmando i loro attacchi con una telecamera ad alta velocità.

Velocità simili. Le prime due specie appartengono alla famiglia dei viperidi e sono velenose; il serpente dei ratti è invece un colubride non velenoso che attacca solo piccoli animali, come i topi di campagna. Riguardando le immagini al rallentatore si è visto che il crotalo attacca a una velocità media di 2,95 m/s, il mocassino a 2,98 m/s e il serpente dei ratti a 2,67 m/s: le vipere sono leggermente più veloci, ma per i ricercatori le differenze sono talmente minime da definire le prestazioni equivalenti.

Sbatti gli occhi e... L'accelerazione sopportata dalla testa di tutti i serpenti durante l'attacco - in media 190 m/s² - è superiore a quella che sperimentano i piloti militari. In tutti e tre i casi, il morso è arrivato in 50-90 millisecondi: meno di un battito di ciglia (che dura circa 220 millisecondi). Per essere azzannati, basta avere gli occhi chiusi nel momento sbagliato.

18 marzo 2016 Elisabetta Intini
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us