Animali

Bastano poche persone per disturbare gli animali nei parchi nazionali e nelle aree naturalistiche

I parchi nazionali sono luoghi pensati per consentire agli animali di vivere indisturbati e protetti dalle attività umane. Ma quando arriviamo "noi", potremmo creare qualche problema...

I parchi nazionali e le aree naturalistiche sono santuari dove gli animali possono vivere indisturbati e protetti dalle attività umane. Sono però anche luoghi che ci permettono di vedere queste stesse creature nel loro ambiente naturale: la possibilità di incontrare i suoi abitanti è uno dei motivi per cui visitiamo i parchi nazionali. Ma qual è la loro reazione alla nostra presenza?

Più o meno affollati. Nel caso di parchi particolarmente famosi (pensate a Yellowstone, che conta più di un milione di visitatori ogni anno) non è difficile immaginare che orsi, lupi e coyote siano costretti a cambiare le loro abitudini per evitarci il più possibile. Ma anche nei parchi più isolati e meno frequentati, la semplice presenza di un essere umano può essere sufficiente per spingere gli animali a modificare il loro comportamento in maniera anche radicale. Lo sostiene uno studio condotto in Alaska e pubblicato su People and Nature.

Lo studio è stato condotto da un team dell'università di Washington nel Glacier Bay National Park, nel sudest dell'Alaska: è un parco accessibile solo via aria o via mare, e i turisti che lo visitano vengono scaricati dalle navi da crociera al largo della riserva, e devono raggiungere la terraferma con barche più piccole. In altre parole, è un parco molto poco frequentato: ogni anno ospita circa 40.000 visitatori. È però molto ricco dal punto di vista faunistico, abitato tra l'altro da lupi, orsi neri, orsi bruni e alci.

Proprio queste quattro specie sono state scelte come soggetto dello studio: il team ha installato 40 fotocamere con sensori di movimento in 10 diverse aree del parco, e ha studiato il comportamento degli animali per due estati consecutive. In questo modo è stato possibile osservare direttamente la reazione di questi mammiferi alla presenza umana.

La prima cosa che il team ha potuto constatare è che, nelle aree del parco abitualmente frequentate dagli umani, le telecamere hanno individuato non più di cinque animali a settimana, a dimostrazione che lupi, orsi e alci evitano le zone più affollate. In più, tutte le aree nelle quali passano più di 40 persone a settimana le osservazioni si sono ridotte a zero. Nelle aree più intatte, al contrario, si sono registrate il maggior numero di osservazioni.

E dunque? Questo significa che le quattro specie studiate fanno il possibile per tenersi alla larga da noi, e che basta un singolo essere umano per spingere lupi, orsi e alci (e quindi con ogni probabilità anche altri animali) a cambiare le loro abitudini.

Secondo gli autori, è probabile che ripetendo l'esperienza in parchi più frequentati si ottengano risultati simili: una soluzione potrebbe essere quella di concentrare le attività umane nei parchi in aree ristrette, così da lasciare il resto del parco indisturbato (e quindi più accogliente per la fauna).

24 ottobre 2022 Gabriele Ferrari
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us