Animali

Bar da gatti

Il primo negli Stati Uniti è stato inaugurato a marzo, e presto verrà seguito da altri. Ma è solo uno dei tanti nel mondo: la moda del cat café, partita da Oriente, ha già invaso l'Europa e sta ormai dilagando.

Sorseggiare una bibita in mezzo a gatti monocolore o pezzati, striati o marmorizzati, grassi o magri, piccoli e grandi, da accarezzare o semplicemente da guardare mentre giocano o fanno acrobazie, ed eventualmente da adottare: un sogno per qualsiasi gattofilo, soprattutto se non può tenere in casa un felino.

È quanto propongono i cat café, che con i nomi più fantasiosi e bizzarri stanno prendendo piede un po' ovunque: così in Malesia c'è il Purrfect cat café, a Madrid la Gatoteca, a Copenhagen il Café miao, a Berlino il Pee Pees Katzencafé, a Torino il MiaGola. Il capoluogo piemontese accoglie anche il Neko Cat Café: neko è la parola giapponese per indicare il felino in questione.

L'entrata del Laika cat cafe di Tokyo. © Laika ac/Flikr

Felini del Sol levante. I giapponesi sono stati i primi a lasciarsi conquistare dall'idea, dopo anni di “turismo felino” per visitare il primo locale al mondo, aperto nel 1998 a Taiwan. Nel 2004 anche il Giappone ha avuto finalmente il suo primo neko café, a Osaka. Ora Tokyo ne vanta 39, anche a tema: ci sono bar per gatti neri e altri per felini grassi, per mici di razza pregiata o ex randagi (adottabili). E sull'onda sono sorti perfino Rabbit (coniglio) café e addirittura un locale con capre.

Sbarco a occidente. I bar miagolanti si sono poi diffusi in altre nazioni asiatiche, come Corea del Sud e Malaysia; sono quindi sbarcati in Europa, con Vienna in testa, infine in America e Australia. E il trend prosegue.

Rimane il dubbio che non vengano rispettati i felini, ma di solito i locali hanno un regolamento ben preciso per non turbarli troppo: come minimo, non svegliare il gatto che dorme!

18 novembre 2014 Giuliana Lomazzi
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us