Animali

In Australia ci sono api che impollinano di notte

Sono state scoperte due nuove specie di api australiane che non sono attive di giorno come le loro colleghe ma che svolgono il lavoro di impollinatrici al crepuscolo e durante la notte.

Le api sono insetti diurni: sfruttano le ore di luce per nutrirsi e quelle di buio per riposarsi perché la loro vista non è adattata alle condizioni di scarsa luminosità. Adesso però c'è una novità: in Australia esistono almeno due specie che, come spiega un nuovo studio pubblicato sul Journal of Hymenoptera Research, hanno sviluppato adattamenti per vederci bene con il buio: sono dunque attive nelle ore serali.

Le prime due. Queste api appartengono a due specie diverse, Reepenia bituberculata e Meroglossa gemmata, che vivono prevalentemente nell'Australia settentrionale, nella fascia tropicale del continente. Il gruppo di ricerca, guidato dal dottorando James Dorey, ne ha studiato non i comportamenti, difficili e dispendiosi da monitorare, ma la morfologia dell'apparato visivo, scoprendo che queste due specie hanno sviluppato occhi di dimensioni maggiori e dunque in grado di raccogliere una maggior quantità di luce anche in condizioni di scarsa visibilità.

Ce ne sono altre? Le previsioni morfologiche sono state poi confermate dalle osservazioni sul campo, in base alle quali i ricercatori hanno concluso che le due specie in questione sono sicuramente notturne. Ipotizzano, inoltre, che non solo in Australia ma anche in altre zone del mondo, ci siano altre specie con comportamenti simili. Intanto, la scoperta di queste due specie di api notturne non è quindi soltanto una curiosità, ma serve anche per modulare gli interventi di conservazione nei confronti di altre specie impollinatrici la cui azione era rimasta invisibile. Almeno fino a oggi.

7 novembre 2020 Gabriele Ferrari
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us