Focus

Arcobaleni di mare

Coloratissimi, velenosi e dotati di curiose abitudini sessuali: a tu per tu con i nudibranchi, i molluschi più appariscenti e originali dei sette mari. Scopri come fanno i nudibranchi ad avere un pene sempre nuovo

Grandi meno di un'unghia o come un piede, dalla forma schiacciata o a salsicciotto, ma, soprattutto, coloratissimi: i nudibranchi (Nudibranchia), molluschi dal corpo morbido e flessibile appartenenti alla famiglia delle lumache di mare, sono tantissimi e dalle fattezze più svariate.

Si calcola ve ne siano oltre 3 mila specie conosciute, ma se ne individuano di nuove quasi ogni giorno. Sono conosciuti come gli "arlecchini" degli abissi: i loro colori sgargianti, spesso abbinati a una certa tossicità, servono a tenere alla larga i predatori, avvertendoli dell'eventuale pericolo.
Nella foto, un nudibranchio dell'Indo-Pacifico, della specie Chromodoris kuniei.

Guarda anche le creature più buffe degli abissi

Il loro curioso nome deriva da deriva dal latino nudus (nudo) e della parola greca brankhia (branchie), e significa con le branchie nude: la maggior parte di queste creature ha infatti ciuffi di branchie e antenne posizionate all'esterno, sul dorso. Praticamente ciechi - i loro occhi percepiscono infatti a malapena il buio e la luce - i nudibranchi esplorano il mondo circostante attraverso un insieme di recettori posizionati sul capo, chiamati rinofori.

Nella foto, una ballerina spagnola (Hexabranchus sanguineus): se disturbato, questo nudibranchio si allontana con movimenti sinuosi dati dalla contrazione dei muscoli dorso ventrali, muovendo il mantello di colore rossastro come fosse una gonna da flamenco. Lungo fino a 60 centimetri, è tra i nudibranchi più grossi del mondo e uno dei pochi in grado di nuotare: gli altri sono in genere bentonici, vivono cioè in stretta simbiosi con i fondali marini.

Come vedono gli animali marini? Scoprilo in questo multimedia

La maggior parte dei nudibranchi misura dai 3 millimetri ai 30 centimetri circa, e predilige i bassi e caldi fondali tropicali. Queste creature sono carnivore e si nutrono di piccoli molluschi, crostacei, pesci morti, spugne, coralli e persino altri nudibranchi. Alcuni di essi sono in grado di assimilare le sostanze velenose e i tentacoli urticanti presenti nelle prede e usarli a loro volta quando attaccati dai predatori (pesci, tartarughe, stelle marine, granchi).

Da non perdere: la danza liberatrice del corallo (video)
I 12 predatori che un subacqueo (o un pesce) non vorrebbero mai incontrare

La vita di queste creature dura poco, quasi sempre meno di un anno e, talvolta, anche meno di un mese. Per questo è particolarmente difficili studiarle, anche se gli scienziati sono interessati ad alcuni meccanismi chimici che questi animali mettono in moto nelle situazioni di autodifesa e durante l'accoppiamento.

I nudibranchi sono ermafroditi simultanei: hanno cioè organi riproduttivi sia maschili, sia femminili e possono dare o ricevere sperma a seconda dei casi. Inoltre, alcuni di essi sono in grado di perdere il pene subito dopo l'accoppiamento e di farselo ricrescere nel giro di 24 ore (leggi qui per capire come fanno): una caratteristica unica tra tutti gli esseri viventi finora conosciuti. Nella foto, l'accoppiamento convulso tra due nudibranchi del genere Thuridilla.

Sesso in fondo al mare: il "famolo strano" di meduse, piovre e ricci di mare
Kamasutra in fondo al mare: il primo video di sesso tra due calamari

Ma il pene non è l'unica parte del corpo che queste creature possono "perdere". Alcune specie di nudibranchio sono in grado di abbandonare una parte del mantello per distrarre i predatori con i colori sgargianti e scappare via indisturbati (una strategia difensiva chiamata autotomia). Un po' come fanno le lucertole con la coda, o alcuni granchi con le chele.

Nella foto, un nudibranchio del genere Chromodoris fotografato mentre si nutre di una spugna.

Durante l'accoppiamento questi animali si fecondano a vicenda, per poi deporre milioni di uova raggruppate in nastri o matasse. Nella foto, un nudibranchio intento a depositare la covata su un idroide, un organismo animale simile a una pianta formato in realtà da polipi dai tentacoli filiformi.

Un nudibranchio del genere Flabellina, comune anche nel Mar Mediterraneo fino ai 50 metri di profondità. Se alcuni nudibranchi, come questo, spaventano gli aggressori con i colori brillanti del loro mantello, altri optano per una strategia più discreta e si mimetizzano con il fondale marino in cui vivono.

Guarda anche le tecniche di mimetismo del pesce trombetta (video)
E il polpo mimetico e trasformista

Grandi meno di un'unghia o come un piede, dalla forma schiacciata o a salsicciotto, ma, soprattutto, coloratissimi: i nudibranchi (Nudibranchia), molluschi dal corpo morbido e flessibile appartenenti alla famiglia delle lumache di mare, sono tantissimi e dalle fattezze più svariate.

Si calcola ve ne siano oltre 3 mila specie conosciute, ma se ne individuano di nuove quasi ogni giorno. Sono conosciuti come gli "arlecchini" degli abissi: i loro colori sgargianti, spesso abbinati a una certa tossicità, servono a tenere alla larga i predatori, avvertendoli dell'eventuale pericolo.
Nella foto, un nudibranchio dell'Indo-Pacifico, della specie Chromodoris kuniei.

Guarda anche le creature più buffe degli abissi