Animali

Api, un altro problema

Sempre più alveari vengono spostati dalla loro zona di origine e usati per impollinare le piante nelle serre, con gravi conseguenze sulle popolazioni locali.

Povere api: sono state di recente dichiarate "l'animale più importante del pianeta" eppure sono una delle specie più a rischio d'estinzione, vittime di pesticidi, inquinamento, parassiti e cambiamenti climatici. E stando a una ricerca condotta da Ignasi Bartomeus (Estación Biológica de Doñana, Spagna) questi insetti devono ora guardarsi da un'altra, inattesa minaccia: altre api, che arrivano da lontano e rubano loro cibo e risorse. È l'effetto collaterale del mantenere serre a scopo commerciale, che hanno bisogno di venire invase da sciami di impollinatori che arrivano da lontano.

L'invasione delle (altre) api. I numeri sono impressionanti: ogni anno, circa un milione di colonie di api allevate a scopo commerciale vengono spedite in giro per il mondo e utilizzate dai proprietari di serre per impollinare le loro piante. Il problema è che nella maggior parte dei casi si tratta di api che sono state allevate a centinaia o migliaia di chilometri di distanza, e che quando vengono rilasciate nel nuovo ambiente non faticano a fuggire in buon numero dalle serre per andare in cerca di cibo e di un luogo dove fare il nido, facendo così concorrenza alle popolazioni locali.

Povertà genetica. Gli esemplari da importazione possono trasmettere malattie o parassiti che gli insetti locali non sono attrezzati ad affrontare; in più, la possibilità di accoppiamento tra alieni e locali potrebbe alla lunga rivelarsi un problema, perché si rischia un'omogeneizzazione del patrimonio genetico delle api, e quindi una minor resistenza a malattie o cambiamenti ambientali, se non addirittura la perdita di caratteri evolutivamente favorevoli (per esempio la capacità di adattarsi a temperature più alte o più basse). Un quadro preoccupante per un problema che si potrebbe risolvere in maniera semplice: basterebbe usare solo api locali per impollinare le serre.

30 ottobre 2019 Gabriele Ferrari
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Sulle orme di Marco Polo, il nostro viaggiatore più illustre che 700 anni fa dedicò un terzo della sua vita all’esplorazione e alla conoscenza dell’Oriente, in un’esperienza straordinaria che poi condivise con tutto il mondo attraverso "Il Milione". E ancora: un film da Oscar ci fa riscoprire la figura di Rudolf Höss, il comandante di Auschwitz che viveva tranquillo e felice con la sua famiglia proprio accanto al muro del Lager; le legge e le norme che nei secoli hanno vessato le donne; 100 anni fa nasceva Franco Basaglia, lo psichiatra che "liberò" i malati rinchiusi nei manicomi.

ABBONATI A 29,90€

Che cosa c’era "prima"? Il Big Bang è stato sempre considerato l’inizio dell’universo, ma ora si ritiene che il "nulla" precedente fosse un vuoto in veloce espansione. Inoltre, come si evacua un aereo in caso di emergenza? Il training necessario e gli accorgimenti tecnici; che effetto fa alla psiche il cambiamento climatico? Genera ansia ai giovani; esiste la distinzione tra sesso e genere tra gli animali? In alcune specie sì. Con quali tecniche un edificio può resistere a scosse devastanti? Siamo andati nei laboratori a prova di terremoti.

 

ABBONATI A 31,90€
Follow us