Ambiente

Api, un altro problema

Sempre più alveari vengono spostati dalla loro zona di origine e usati per impollinare le piante nelle serre, con gravi conseguenze sulle popolazioni locali.

Povere api: sono state di recente dichiarate "l'animale più importante del pianeta" eppure sono una delle specie più a rischio d'estinzione, vittime di pesticidi, inquinamento, parassiti e cambiamenti climatici. E stando a una ricerca condotta da Ignasi Bartomeus (Estación Biológica de Doñana, Spagna) questi insetti devono ora guardarsi da un'altra, inattesa minaccia: altre api, che arrivano da lontano e rubano loro cibo e risorse. È l'effetto collaterale del mantenere serre a scopo commerciale, che hanno bisogno di venire invase da sciami di impollinatori che arrivano da lontano.

L'invasione delle (altre) api. I numeri sono impressionanti: ogni anno, circa un milione di colonie di api allevate a scopo commerciale vengono spedite in giro per il mondo e utilizzate dai proprietari di serre per impollinare le loro piante. Il problema è che nella maggior parte dei casi si tratta di api che sono state allevate a centinaia o migliaia di chilometri di distanza, e che quando vengono rilasciate nel nuovo ambiente non faticano a fuggire in buon numero dalle serre per andare in cerca di cibo e di un luogo dove fare il nido, facendo così concorrenza alle popolazioni locali.

Povertà genetica. Gli esemplari da importazione possono trasmettere malattie o parassiti che gli insetti locali non sono attrezzati ad affrontare; in più, la possibilità di accoppiamento tra alieni e locali potrebbe alla lunga rivelarsi un problema, perché si rischia un'omogeneizzazione del patrimonio genetico delle api, e quindi una minor resistenza a malattie o cambiamenti ambientali, se non addirittura la perdita di caratteri evolutivamente favorevoli (per esempio la capacità di adattarsi a temperature più alte o più basse). Un quadro preoccupante per un problema che si potrebbe risolvere in maniera semplice: basterebbe usare solo api locali per impollinare le serre.

30 ottobre 2019 Gabriele Ferrari
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Le sfide della Chiesa per tutelare la propria autonomia e i suoi territori. A colpi di alleanze, scomuniche, guerre, ma anche preziose committenze ai più grandi artisti del Rinascimento, ecco come i pontefici sono stati protagonisti di secoli di storia. E ancora: quando, 100 anni fa, l'Irlanda venne divisa in due; origini, regole e curiosità degli scacchi; perché le legioni romane erano imbattibili.

 

ABBONATI A 29,90€

Quale incredibile processo ha fatto nascere la vita sul nostro pianeta? Tutte le ultime ipotesi scientifiche. Inoltre: i numeri e le mappe della pandemia che ci ha cambiato nel 2020 e cosa ci aspetta nel 2021; le nuove frontiere del cinema; i software che ci identificano in base al modo di camminare; il sesso strano del mondo animale.

ABBONATI A 29,90€

Sul nuovo numero di Focus Domande&Risposte tantissime domande e risposte curiose e inaspettate nel nome della scienza. Per esempio: è vero che la musica fa cambiare sapore al formaggio? E che mariti e mogli con il tempo si assomigliano? E che la solitudine cambia il nostro cervello?

ABBONATI A 29,90€
Follow us