Animali

Api contro elefanti

Un'arnia ben piazzata scaccia i pachidermi dai campi. E produce anche miele.

Api contro elefanti
Un'arnia ben piazzata scaccia i pachidermi dai campi. E produce anche miele.

Un branco di elefanti nella savana. Se si avvicinano ai villaggi, possono essere scacciati delle api.
Un branco di elefanti nella savana. Se si avvicinano ai villaggi, possono essere scacciati delle api.

Gli elefanti, in alcuni paesi africani, possono essere un problema. Confinati in zone sempre più piccole dall'invadenza umana, spesso escono dai parchi e razziano i campi dei villaggi vicini. Il grande esperto di elefanti Ian Douglas-Hamilton, insieme a Fritz Vollrath, del centro ricerche Mpala, ha però scoperto che questi grossi animali possono essere spaventati dalle feroci e aggressive api africane (Apis mellifera scutellata), che riescono a scacciare anche i maschi più grossi pungendoli ripetutamente nelle parti più delicate.
Poiché le api attaccano qualsiasi cosa che minacci la loro arnia, è bastato appendere le arnie agli alberi e intorno ai campi perché gli elefanti non si avvicinassero più. La lunga memoria degli elefanti funziona anche in questo caso, perché un animale punto si ricorda benissimo del pericolo, e non si avvicina ai campi, neppure se essi sono “protetti” da arnie vuote; probabilmente li riconoscere anche solo dall'odore. Secondo gli esperti, la proposta dovrebbe essere accolta entusiasticamente per esempio dai Masai, che sono ottimi allevatori di api. Gli abitanti delle zone intorno ai parchi possono in questo modo ricavare un doppio profitto, dai campi “salvati” e dal miele prodotto dalle api stesse. L'allevamento delle api rientrerebbe inoltre in un progetto sudafricano, chiamato "Beekeeping for poverty relief ", (cioè Allevare le api per combattere la povertà), lanciato al vertice di Johannesburg nello scorso mese di agosto.

(Notizia aggiornata al 7 novembre 2002)

5 novembre 2002
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us