Animali

Gli animali abitudinari sono più a rischio (e la colpa è nostra)

L'attività umana mette a rischio tutti gli animali che tendono a tornare sempre negli stessi luoghi per mangiare e riprodursi.

Site fidelity, che letteralmente significa "fedeltà al sito" o al "luogo", è un'espressione che si usa in etologia che indica il comportamento di tutti quegli animali che, anno dopo anno, ritornano sempre negli stessi luoghi per riprodursi, per trovare il cibo o per fare il nido alla fine di una migrazione. È un'abitudine molto diffusa tra gli animali: pensate ai salmoni, o a tutti gli uccelli che ogni anno cercano casa negli stessi luoghi.

Rischioso. È anche, purtroppo, un'abitudine pericolosa, almeno in quest'epoca segnata anche dalle attività umane: lo afferma uno studio pubblicato su Frontiers in Ecology and Environment che ha analizzato una grande quantità di letteratura scientifica sull'argomento, scoprendo che tutti gli animali "fidelizzati" a un luogo soffrono, e in certi casi rischiano addirittura di sparire.

Essere fedeli a un luogo – o, se preferite, essere abitudinari – è un vantaggio notevole in termini di sopravvivenza. Una volta che un animale scopre un'area adatta per nidificare, nutrirsi o riprodursi, e comincia a usarla regolarmente, impara anche a conoscerla, e spreca meno energie a cercare il cibo e a tenersi alla larga dai predatori. Questo discorso, però, come spiega lo studio, era valido fino a quando l'influenza umana sull'ambiente era ancora limitata e i luoghi "fidelizzati" rimanevano sostanzialmente intatti per anni.

L'effetto del clima. Oggi la situazione è molto diversa, perché la forma e l'estensione degli ecosistemi cambiano in continuazione e quella che un anno è, per esempio, una perfetta zona di nidificazione potrebbe, appena un anno dopo, trasformarsi in un campo coltivato o in un parcheggio. Inoltre i cambiamenti climatici stanno modificando l'aspetto del paesaggio più o meno in tutto il mondo, e costringendo gli animali ad adattarsi: quelli che preferiscono tornare sempre negli stessi luoghi ne stanno soffrendo.

Lo studio cita una serie di casi che dimostrano la tesi di fondo. Nel Wyoming, per esempio, lo Stato americano dove si trova l'università che ha compiuto lo studio, sono stati aperti negli ultimi anni molti impianti di estrazione di gas naturale, che spesso si trovano nell'areale del cervo mulo (Odocoileus hemionus), una specie endemica del Nord America. Il cervo mulo è molto abitudinario, e piuttosto che abbandonare del tutto un'area preferisce spostarsi quel tanto che basta da tenersi alla larga dai macchinari.

I problemi. Questo però gli crea parecchi problemi, perché le aree di estrazione sono molto degradate: le popolazioni che vivono nei loro pressi hanno visto, negli ultimi anni, un crollo numerico del 40% circa. In altri casi sono i cambiamenti climatici a disturbare gli animali abitudinari, come per l'elefante marino settentrionale (Mirounga angustirostris), colpito nei decenni scorsi dagli effetti di El Niño. Secondo lo studio, comunque, anche gli animali più abitudinari possono sviluppare strategie per adattarsi alle nuove condizioni: il nostro compito è quindi quello di preservare le popolazioni esistenti nell'attesa che trovino la giusta risposta alle nuove sfide.

22 gennaio 2022 Gabriele Ferrari
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Albert Einstein amava la vita, la fisica e odiava le regole. Osteggiato in patria e osannato nel mondo, vinse molte battaglie personali e scientifiche. A cento anni dal Nobel, il ritratto del più
grande genio del Novecento che ha rivoluzionato le leggi del tempo e dello spazio. E ancora: la storia di Beppe Fenoglio, tra scrittura e Resistenza; l'impresa di Champollion, che 200 anni fa decodificò la stele di Rosetta e svelò i segreti degli antichi Egizi; contro il dolore, la fatica, la noia: le droghe naturali più usate nel corso dei secoli.

ABBONATI A 29,90€

Il sonno è indispensabile per rigenerare corpo e mente. Ma perché le nostre notti sono sempre più disturbate? E a che cosa servono i sogni? La scienza risponde. E ancora: pregi e difetti della carne, alimento la cui produzione ha un grande impatto sul Pianeta; l'inquinamento e le controindicazioni dell’energia alternativa per gli aerei; perché ballare fa bene (anche) al cervello. 

ABBONATI A 31,90€
Follow us