Animali

L'anestesia indolore della bavosa

Identificati gli ingredienti del morso della bavosa con le zanne: un mix di sostanze tossiche e psicotrope che "punisce" il predatore che l'ha inghiottita, costringendolo a rigettarla fuori.

Un gruppo di ricercatori australiani ha svelato il mistero del morso indolore - eppure potente - di un piccolo pesce del Pacifico, la bavosa con le zanne. Quando questo abitante della barriera corallina è inghiottito da un predatore, con una stretta di fauci ben assestata ritrova la libertà: lo sprovveduto pesce che l'ha inghiottito inizia a tremare e nuotare in modo scoordinato, avverte un brusco calo di pressione, rilassa la mascella e apre la bocca. A quel punto la bavosa, indenne, può fuggire.

La TAC di una bavosa con le zanne velenosa. Clicca per attivare la GIF. © Anthony Romilio, via NYT

Gli ingredienti fino ad oggi segreti del micidiale cocktail del morso della bavosa sono stati identificati dagli scienziati della Liverpool School of Tropical Medicine del Queensland (Australia) e pubblicati su Current Biology.

Nicholas Casewell, tra gli autori, ha testato il veleno di 11 specie di bavose del Pacifico occidentale, come la Meiacanthus grammistes e la Meiacanthus atrodorsalis, identificando tre componenti principali.

Nessun dolore. Le encefaline, neurotrasmettitori della famiglia delle endorfine, contenute anche nel veleno di alcuni scorpioni, agiscono sui recettori dei derivati dell'oppio, e hanno probabilmente un effetto analgesico. Sono sostanze della stessa classe dell'eroina e di alcuni medicinali antidolorifici.

Un'altra sostanza, il neuropeptide Y (secreto anche dalle lumache di mare), causa un abbassamento di pressione di quasi il 40% entro 4 minuti. Infine un terzo ingrediente, un enzima che si trova nel veleno di serpente, genera infiammazione.

Al momento non si prevedono applicazioni per queste sostanze. Il valore della ricerca, però, conferma la ricchezza di elementi ancora ignoti delle creature del reef, la cui sopravvivenza è minacciata dalle attività umane. Il rischio è di decimarle prima ancora di averle conosciute.

3 aprile 2017 Elisabetta Intini
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us