Animali

Anche le capre imparano un accento

I diversi gruppi di esemplari coetanei sviluppano belati differenti: un modo per riconoscersi e ritrovarsi.

Prima o poi è capitato a tutti di trascorrere un periodo di vacanza da un parente o un amico che vive in un'altra regione, e tornare a casa con una cadenza spiccata e diversa dal solito. Questa esperienza non è tipicamente "umana": succede anche alle giovani capre che trascorrono intere giornate all'interno di gruppi coesi di coetanei.
Durante il secondo mese di vita i capretti selvatici escono dalla boscaglia (in cui si nascondono per evitare i predatori) e raggiungono altri esemplari della stessa età in un gruppetto denominato "asilo nido", sorvegliato da una o più femmine.

Per verificare come la particolare organizzazione sociale influenzi il modo di comunicare di questi animali, Elodie Briefer e Alan McElligott della Queen Mary's School of Biological and Chemical Sciences dell'Università di Londra hanno analizzato i versi di 23 giovani esemplari di capra pigmea, figli dello stesso padre ma di madri diverse, per ridurre l'influsso della provenienza genetica. I capretti sono stati divisi in 4 diversi gruppi misti, formati da 5-7 esemplari. I ricercatori hanno testato il repertorio vocale degli animali a una settimana di vita, quando ancora vivevano con la madre, e a cinque settimane, il periodo in cui normalmente le capre selvatiche iniziano a frequentare gruppi di coetanei.
Se le capre geneticamente affini producono simili belati, anche i belati delle capre cresciute nello stesso gruppo si somigliavano, e diventavano ancora più simili con il passare del tempo. Segno che, nello sviluppo di una forma di comunicazione, l'apporto genetico conta, ma è ancora più rilevante il tempo che ogni esemplare trascorre con i suoi simili.

Mai visto una capra abbarbicata su un albero? (guarda)

La capra dietro alla scoperta delle proprietà del caffè?

Ogni gruppo mostrava quindi un accento particolare e riconoscibile: la prova che le capre sanno adattare i propri belati all'ambiente sociale in cui vivono, una capacità rara tipica di uomini, balene, delfini e pipistrelli. I diversi accenti potrebbero funzionare come "badge di riconoscimento" per accedere ai diversi gruppi: se una capra perde di vista il proprio, avrà uno strumento in più per ritrovarlo e per farsi riconoscere. Un bel collante sociale.
Questa capacità potrebbe essere più diffusa tra i mammiferi di quanto non si pensi. Anche altri ungulati potrebbero manifestare accenti particolari, e ulteriori studi dovranno far luce sull'argomento.

23 febbraio 2012 Elisabetta Intini
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

La (brutta) storia della follia raccontata attraverso i re e gli imperatori ritenuti pazzi, i rimedi adottati nei secoli per “curarla” e l'infinita serie di pregiudizi e superstizioni che hanno reso la vita dei malati un inferno peggiore del loro male. E ancora: quando le donne si sfidavano a duello; la feroce Guerra delle due Rose, nell'Inghilterra del '400.

ABBONATI A 29,90€

Senza l'acqua non ci sarebbe la Terra, l'uomo è l'animale che ne beve di più, gli oceani regolano la nostra sopravvivenza: un ricco dossier con le più recenti risposte della scienza. E ancora: come agisce un mental coach; chi sono gli acchiappa fulmini; come lavorano i cacciatori dell'antimateria; il fiuto dei cani al servizio dell'uomo.

ABBONATI A 29,90€
Follow us