Animali

Anche le api riconoscono le facce

Scienziati inglesi hanno scoperto che le api riescono a riconoscere i volti umani e a ricordarli, a volte, anche a distanza di qualche giorno.

Anche le api riconoscono le facce
Scienziati inglesi hanno scoperto che le api riescono a riconoscere i volti umani e a ricordarli, a volte, anche a distanza di qualche giorno.

Ma quest'ape avrà riconosciuto il volto dell'ex presidente americano Bill Clinton?
Ma quest'ape avrà riconosciuto il volto dell'ex presidente americano Bill Clinton?

Adrian Dyer e la sua equipe della Università di Cambridge (Inghilterra) hanno scoperto che le api riescono a riconoscere i volti umani e a ricordarli, a volte, anche a distanza di qualche giorno. Il gruppo di studiosi ha posto le api in prossimità di quattro foto di volti umani. L'esperimento consisteva nel ricompensare con una sostanza zuccherosa le api che si avvicinavano a una delle quattro immagini. Una volta rimossa la ricompensa, le api hanno continuato ad avvicinarsi alla foto in questione: cinque delle sette api coinvolte nell'esperimento hanno "riconosciuto" il volto esatto nell'ottanta per cento dei tentativi.
Sembrerebbe dunque che questi insetti abbiano una minima capacità a riconoscere il volti e a memorizzarli anche a lungo termine. Niente male per un animale sprovvisto di corteccia cerebrale (l'area del cervello deputata al riconoscimento nell'uomo) e con lo 0,01 per cento dei neuroni umani.
Stupefacenti. In passato alcuni esperimenti avevano dimostrato che le api possiedono facoltà complesse: comunicano con molta precisione attraverso "danze" e volteggi molto complessi e sembrerebbero in grado di contare. Inoltre avrebbero una certa autoconsapevoleza di sé: in un esperimento del 2002 alcune api erano state marchiate con del colore e poste davanti a uno specchio. Appena si vedevano allo specchio, cercavano di levarsi il colore estraneo di dosso.

(Notizia aggiornata al 20 dicembre 2005)

20 dicembre 2005
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us