Animali

Gli animali hanno problemi sessuali? Sì, per colpa dell'uomo

Riscaldamento globale, bracconaggio, inquinamento acustico e da plastica: per gli animali della Terra è sempre più difficile incontrarsi, corteggiarsi e riprodursi.

Trovare l'anima gemella e accoppiarsi non è semplice neanche per gli animali, soprattutto di questi tempi, e soprattutto a causa... indovinate di chi? Nostra. Nei dati raccolti dal WWF, a disturbare il corteggiamento e la riproduzione degli animali è in primo luogo il cambiamento climatico, ma anche la deforestazione, il bracconaggio, l'inquinamento acustico, luminoso e da plastica giocano ruoli determinanti. Ecco come.

Deforestazione e oranghi. I maschi di orango cercano le femmine solo nella stagione riproduttiva. Ma la continua richiesta di legnami pregiati e di terreni da convertire alla coltivazione dell'olio di palma sta distruggendo le foreste pluviali, habitat della specie, e gli oranghi hanno così sempre maggiori difficoltà a spostarsi alla ricerca del partner.

orsi bruni. Anche gli orsi bruni marsicani hanno difficoltà a incontrarsi a causa delle barriere costruite dall'uomo che frammentano il loro habitat nell'Appennino centrale. Strade, autostrade, ferrovie e aree molto coltivate costituiscono barriere difficilmente superabili.

Bracconaggio ed elefanti. Il bracconaggio uccide soprattutto gli elefanti maschi e alcune femmine, e in generale gli esemplari che hanno zanne più massicce. A causa di questa "selezione" operata dall'uomo sempre più elefanti nascono senza zanne, infatti gli elefanti con zanne più piccole o privi di zanne vivono mediamente di più e hanno dunque maggiori probabilità di riprodursi.

Pesticidi e insetti impollinatori. Ovunque nel mondo si assiste a una drammatica diminuzione degli insetti impollinatori, il che mette a rischio anche una larga parte della nostra produzione alimentare. Accade a causa dell'utilizzo sempre più diffuso di sostanze chimiche in agricoltura.

Cambiamento climatico e tartarughe marine. A causa dell'aumento delle temperature medie, potremmo assistere presto a una totale scomparsa degli esemplari maschi e quindi della specie. Il sesso del nascituro nelle tartarughe marine è infatti deciso dalla temperatura di incubazione delle uova: nidi più caldi portano alla nascita di femmine, nidi più freschi a quella di maschi.

Aumento temperataure e ghepardi. Nel ghepardo maschio l'aumento della temperatura provoca una riduzione della fertilità, causando anomalie morfologiche e un abbassamento nel numero degli spermatozoi, oltre che influendo sui livelli di testosterone. Questo diminuisce i tassi riproduttivi della specie, e di conseguenza le sue probabilità di sopravvivenza.

Inquinamento luminoso e lucciole. Dopo i pesticidi e la perdita dell'habitat naturale, l'inquinamento luminoso è la minaccia più grave per le lucciole. Molte specie infatti si affidano solo alla bioluminescenza per trovare i loro compagni, e la luce artificiale delle attività umane confonde il loro rituale di accoppiamento, spesso impedendo alle femmine di trovare i maschi.

 

Le orche e la plastica. L'inquinamento da plastica è alla base di problemi ormonali, che influenzano la riproduzione di molti animali marini, tra cui le orche. Tra queste, che hanno mostrato tassi riproduttivi molto più bassi del normale e un elevato tasso di sterilità, sono stati rinvenuti alti livelli di inquinanti utilizzati in molte materie plastiche prima di essere banditi nel 2004.

Cemento e salmoni. I salmoni compiono migrazioni di migliaia di chilometri. Prima della stagione riproduttiva, abbandonano le acque dell'oceano per risalire fiumi e torrenti per raggiungere i luoghi dove sono nati, dove riprodursi e deporre le uova, ma oggi trovano sempre più spesso dighe o altri sbarramenti sul loro percorso. Succede così che molti salmoni muoiano prima di riprodursi.


Inquinamento acustico e cetacei. Per cercare i partner durante la stagione riproduttiva, i cetacei, come le megattere, utilizzano complesse emissioni di onde sonore, a particolari frequenze. L'inquinamento acustico provocato da navi e imbarcazioni sta creando loro seri problemi di comunicazione, mettendone a rischio anche la riproduzione, perché produce nei cetacei forte stress.

6 gennaio 2024 Focus.it
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Sulle orme di Marco Polo, il nostro viaggiatore più illustre che 700 anni fa dedicò un terzo della sua vita all’esplorazione e alla conoscenza dell’Oriente, in un’esperienza straordinaria che poi condivise con tutto il mondo attraverso "Il Milione". E ancora: un film da Oscar ci fa riscoprire la figura di Rudolf Höss, il comandante di Auschwitz che viveva tranquillo e felice con la sua famiglia proprio accanto al muro del Lager; le legge e le norme che nei secoli hanno vessato le donne; 100 anni fa nasceva Franco Basaglia, lo psichiatra che "liberò" i malati rinchiusi nei manicomi.

ABBONATI A 29,90€

Che cosa c’era "prima"? Il Big Bang è stato sempre considerato l’inizio dell’universo, ma ora si ritiene che il "nulla" precedente fosse un vuoto in veloce espansione. Inoltre, come si evacua un aereo in caso di emergenza? Il training necessario e gli accorgimenti tecnici; che effetto fa alla psiche il cambiamento climatico? Genera ansia ai giovani; esiste la distinzione tra sesso e genere tra gli animali? In alcune specie sì. Con quali tecniche un edificio può resistere a scosse devastanti? Siamo andati nei laboratori a prova di terremoti.

 

ABBONATI A 31,90€
Follow us