Amore, ho voglia di larve: e la balia bruna esegue

I maschi di questa specie di uccello neozelandese hanno imparato ad assecondare i "capricci" alimentari delle compagne in fase di cova. Così si assicurano il successo riproduttivo.

ipa_bwww57_web
Un esemplare di Petroica longipes in cerca di prelibatezze.|FLPA / Alamy / IPA

Le future madri umane non sono le sole ad avere voglie improvvise di cibo in gravidanza: anche le femmine di un passeriforme neozelandese sembrano prediligere alcune particolari pietanze mentre covano. Soprattutto, sembrano aver capito molto bene come comunicarlo ai partner, che si adoperano in ogni modo per accontentarle.

viziate a dovere. I ricercatori della Victoria University di Wellington (Nuova Zelanda) hanno messo alla prova l'affiatamento di 16 coppie di balia bruna neozelandese (Petroica a. longipes) mentre le femmine stavano covando. Queste sono state nutrite con vermi o larve di insetto in due condizioni: mentre i maschi le vedevano mangiare, e con i maschi lontani.

 

È il piccolo che lo chiede! Le pennute prediligono di volta in volta il cibo che non toccano da più tempo. I maschi sono sempre stati in grado di recuperarlo, anche quando non avevano visto il contenuto del pasto precedente: la prova che le compagne erano state capaci di comunicare loro non solo di essere affamate, ma anche di che cosa. Le partner hanno pigolato più forte e in modo più insistente quando il compagno teneva nel becco il cibo preferito, segnalando così la propria soddisfazione.

 

Questa strategia potrebbe essere comune ad altre specie di uccelli, e contribuire al successo riproduttivo della coppia: una dieta il più possibile variegata copre infatti gli alti costi energetici della cova.

 

 

21 Aprile 2017 | Elisabetta Intini