Animali

Amore, ho voglia di larve: e la balia bruna esegue

I maschi di questa specie di uccello neozelandese hanno imparato ad assecondare i "capricci" alimentari delle compagne in fase di cova. Così si assicurano il successo riproduttivo.

Le future madri umane non sono le sole ad avere voglie improvvise di cibo in gravidanza: anche le femmine di un passeriforme neozelandese sembrano prediligere alcune particolari pietanze mentre covano. Soprattutto, sembrano aver capito molto bene come comunicarlo ai partner, che si adoperano in ogni modo per accontentarle.

viziate a dovere. I ricercatori della Victoria University di Wellington (Nuova Zelanda) hanno messo alla prova l'affiatamento di 16 coppie di balia bruna neozelandese (Petroica a. longipes) mentre le femmine stavano covando. Queste sono state nutrite con vermi o larve di insetto in due condizioni: mentre i maschi le vedevano mangiare, e con i maschi lontani.

È il piccolo che lo chiede! Le pennute prediligono di volta in volta il cibo che non toccano da più tempo. I maschi sono sempre stati in grado di recuperarlo, anche quando non avevano visto il contenuto del pasto precedente: la prova che le compagne erano state capaci di comunicare loro non solo di essere affamate, ma anche di che cosa. Le partner hanno pigolato più forte e in modo più insistente quando il compagno teneva nel becco il cibo preferito, segnalando così la propria soddisfazione.

Questa strategia potrebbe essere comune ad altre specie di uccelli, e contribuire al successo riproduttivo della coppia: una dieta il più possibile variegata copre infatti gli alti costi energetici della cova.

21 aprile 2017 Elisabetta Intini
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us