Amici bestiali

Cani e gatti ma non solo, anche elefanti, leoni, ragni e leoni marini. L'amicizia tra uomo e animali non conosce confini. Una galleria di immagini tra le più belle raccolte sul nostro sito.

Per oltre un anno l’ha accudito come un gattino nel cortile della sua casa a una cinquantina di chilometri da Bucarest, in Romania. Ma poi il leoncino Richie è cresciuto e Lucian Craita, 27 anni, ha capito che quella dell’animale domestico non era il tipo di vita adatto al suo "cucciolo". Così dopo i saluti di rito Lucian ha affidato il felino a una fondazione internazionale per i diritti degli animali che condurrà Richie e altri 3 leoni cresciuti in cattività fino a Lionsrock, una riserva che si trova in Sudafrica. Lì il leone, acquistato da Craita in un sedicente "mercato di animali", sarà gradualmente introdotto alla vita selvaggia, e potrà godersi un po’ di libertà.
Guarda anche l'abbraccio tra un leone e la sua salvatrice
Tutte le più belle foto di leoni a questo link

[E. I.]

Durante la gravidanza si sa, bisogna mantenersi in forma. Soprattutto quando la gestazione dura un anno e mezzo e la futura mamma - pancione escluso - pesa 3 tonnellate! Per questo Panang, elefantessa asiatica (Elephas maximus) ospite del Tierpark Hellabrunn zoo di Monaco, in Germania, ha seguito diligentemente tutte le lezioni di Andi Fries, suo istruttore di stretching prenatale.
Tanta costanza a quanto pare, è stata premiata: lo scorso dicembre l’elefantessa ha dato alla luce, senza particolari difficoltà, il piccolo (si fa per dire) Jamuna Toni, 112 chili di tenerezza.

Meglio la carezza di una ragazza o il passo felpato di una tarantola pelosa?
Zhao Jing, 26 anni preferisce il "ragnetto", con il quale divide un appartamento in affitto a Wuhan, in Cina. Gli altri occupanti sono scorpioni, boa, iguane e lucertole. E la proprietaria della casa non pare molto contenta tanto che qualche tempo fa ha tentato, invano, di farsi restituire le chiavi. A salvare Zhao e i suoi "coinquilini" dallo sfratto alcuni vicini che dicono di essersi ormai affezionati agli insoliti animali. 
Guarda anche il massaggio con i serpenti e il collier di scorpioni

[E. I.]

"Andiamo a farci benedire!". Quando la loro proprietaria le ha così apostrofate, queste due iguane non ci potevano credere. Eppure era tutto vero. La signora se le è caricate in spalla per portarle all’annuale benedizione degli animali di Los Angeles in California.
In fila con cani e gatti, tartarughe, maiali, criceti e serpenti, le due hanno atteso con pazienza la loro spruzzatina d’acqua santa, impartita come da tradizione da un vero sacerdote. L’usanza cattolica nacque nel 1930 e ha lo scopo di ringraziare le specie non umane dei servigi che da sempre offrono all’uomo. Ancora oggi apre la processione una mucca, considerata l’animale più generoso. Seguono gli altri animali da fattoria e chiudono la fila i più pigri, ma affettuosi, gli animali domestici.
Guarda altre belle foto di iguane

[E. I.]

Sarà per quel faccione buffo, o per il suo infallibile orecchio musicale, fatto sta che Sara - qui in posa accanto al suo addestratore - è diventata la star del delfinario di Istanbul (in Turchia), dove vive. Oscurando con la sua fama gli altri meno brillanti compagni di vasca.
Ma stare in posa per l'obiettivo non è l'unica delle sue prodezze. Questo tricheco (Odobenus rosmarus) infatti, suona anche  il sax. O meglio fa finta. E qualche volta balla anche il tango avvinghiata al suo istruttore.
Insomma, non si può certo dire che si annoi. E chissà se preferirebbe passare le giornate spaparanzata sui ghiacci artici, come fa la maggior parte dei suoi simili.

Trichechi superdodati e vincenti

[E. I.]

In questo video si esibisce sulle note di Michael Jackson:




Quando la vede passare le scocca un bacio appassionato (vedi anche il video a fine pagina). È il modo in cui il leone Jupiter mostra gratitudine alla sua salvatrice: Ana Julia Torres, che 10 anni fa lo ha liberato da un circo dove veniva maltrattato. Il felino da allora vive, circondato da mille premure, a Villa Lorena, un centro di recupero di animali in difficoltà fondato da Torres a Cali, in Colombia.
Nella compagnia di Jupiter ci sono anche un elefante mutilato, una scimmietta cieca, un pappagallo con le piume danneggiate dal fuoco e numerosi animali denutriti. Per un totale di quasi 700 esemplari. Altri due amici degli animali: la gattara di Pechino e l'allevatore di tarantole

[E. I.]

Il video delle effusioni di Jupiter a Ana Julia Torres che lo ha salvato.

“No urlarmi nelle orecchie!” così pare che dica quest’uomo, guardiano del Nicaraguan National Zoo, alla sua amica scimmia. Questo esemplare albino di scimma urlatrice (Aluoatta palliata) – chiamata Nieve – ha infatti l’abitudine come i suoi simili di urlare in alcuni momenti della giornata. Soprattutto all’alba, al tramonto e prima dei temporali. Il vocione è dovuto a una grande laringe e a un osso speciale che sostiene la lingua. Durante il corteggiamento però la voce non viene usata: di solito le femmine fanno “schioccare" ritmicamente la lingua per conquistare il partner. Se il maschio accetta, muove allo stesso modo la lingua e in poco tempo avviene l’accoppiamento, che non dura più di 20-60 secondi.

Si può definire fortunato il ragazzo cinese ritratto nella foto. Il suo uccellino - la specie non si capisce perfettamente, i nostri esperti avanzano l'ipotesi di un merlo indiano - lo segue ovunque e a comando gli pulisce i denti con il becco.

Mangiare il cibo "avanzato" nella bocca degli altri è un comportamento abbastanza comune in alcune specie di pesci. Lo è meno tra gli uccelli. Ma tra di essi esistono "spazzolini" animali decisamente originali, come il guardiano dei coccodrilli (Pluvianus aegyptius). È chiamato così perché cattura insetti e parassiti sul dorso dei coccodrilli. Talvolta si avventura direttamente tra le fauci dei coccodrilli e raccoglie il cibo tra i denti. Questa forma di "convivenza" tra animali è detta "simbiosi di pulizia" come vi mostriamo nella foto di domani.

Zampe giunte in segno di preghiera. Questo devoto cagnolino di nome Conan - qui ritratto nel monastero Zen "Shuri Kannondo" di Naha, in Giappone - dicono che abbia imparato a "pregare" imitando il suo proprietario: il monaco Joei Yoshikuni.
La religione buddista prevede il massimo rispetto per tutti gli animali. Una leggenda narra che alla morte di Budda tutti gli animali addolorati si raccolsero in segno di devozione. Gli unici a non versare lacrime furono però i gatti e i serpenti, mostrandosi sprezzanti nei confronti di Budda e attirandosi le ire dei buddisti.
Ma in realtà i gatti sono sempre stati amati in Giappone, anche dai buddisti, perché cacciavano i topi che minacciavano gli allevamenti di baco da seta.
Vista il nostro canale Cani e Gatti. E conosci tutto sui cani. Leggi anche il nostro blog “A proposito di cani e gatti” con i consigli utili per i proprietari di cani e di gatti.
Scopri tutto sul buddismo.

"Ma chi me l'ha fatto fare", starà pensando Nicolasa, la gatta appollaiata sulla tavola del suo proprietario, il surfista peruviano Domingo Pianezzi.  Qui cavalcano insieme le onde davanti alla spiaggia di San Bartolo, a Lima, in Perù. 
L'atleta è convinto che la micina abbia un'innata passione per il surf. Basta vedere come riesce a mantenere perfettamente l'equilibrio, senza mai cadere in acqua. Anche se un'altra spiegazione possibile potrebbe essere che la micia abbia talmente paura di bagnarsi che si aggrappa con gli artigli alla tavola, unico posto asciutto nei dintorni.
Scopri tutto sui gatti e non perderti tante belle foto nella fotogallery: la tigre di casa
Ti piacciono i cani e i gatti? Non perdere il canale pet.

Per oltre un anno l’ha accudito come un gattino nel cortile della sua casa a una cinquantina di chilometri da Bucarest, in Romania. Ma poi il leoncino Richie è cresciuto e Lucian Craita, 27 anni, ha capito che quella dell’animale domestico non era il tipo di vita adatto al suo "cucciolo". Così dopo i saluti di rito Lucian ha affidato il felino a una fondazione internazionale per i diritti degli animali che condurrà Richie e altri 3 leoni cresciuti in cattività fino a Lionsrock, una riserva che si trova in Sudafrica. Lì il leone, acquistato da Craita in un sedicente "mercato di animali", sarà gradualmente introdotto alla vita selvaggia, e potrà godersi un po’ di libertà.
Guarda anche l'abbraccio tra un leone e la sua salvatrice
Tutte le più belle foto di leoni a questo link

[E. I.]