Animali

Al via i primi allevamenti di polpi (e c'è chi solleva dubbi etici)

L'apertura della prima acquacoltura di polpi in Europa fa discutere. È etico allevare questi animali considerati emotivi ed intelligenti? Perché con altre specie lo accettiamo?

La multinazionale spagnola Nueva Pescanova ha dichiarato che la prossima estate inizierà a commercializzare polpi allevati in cattività: l'annuncio ha scosso il mondo scientifico, e sull'azienda si è rovesciata una valanga di critiche. La principale obiezione degli esperti è il fatto che numerosi studi dimostrano che il polpo è un animale molto intelligente, capace di provare dolore non solo fisico ma anche emotivo, e che una tale sensibilità mal si sposi con vasche e allevamenti intensivi.

Un bene per i polpi selvatici? L'azienda, che sarà pronta a vendere polpi d'allevamento nell'estate del 2022 (e stima che ne sfornerà 3.000 tonnellate l'anno), sostiene che la loro presenza contribuirà a ridurre la pressione sui polpi selvatici, il cui prezzo è alle stelle a causa della pesca indiscriminata: ogni anno vengono catturate circa 350.000 tonnellate di polpi – una cifra dieci volte superiore a quella del 1950.

«Allevare polpi non impedirà ai pescatori di catturarne anche in mare», afferma Elena Lara del Compassion in World Farming (CIWF), che aggiunge: «Potrebbe piuttosto avere l'effetto contrario su altre specie marine: i polpi sono carnivori, e mangiano una quantità di pesce pari a due o tre volte il loro peso». Per nutrire i polpi d'allevamento, quindi, dovranno essere sacrificati molti pesci: attualmente circa un terzo di quelli catturati in mare servono per nutrire altri animali, e di questa percentuale circa la metà finisce nella pancia dei pesci d'allevamento.

Problemi pratici. Oltre alle questioni etiche, gli scienziati sottolineano anche problemi pratici: non avendo scheletri che li proteggano, i polpi potrebbero ferirsi facilmente in cattività (se ci fosse più di un polpo per vasca), e secondo alcuni potrebbero iniziare a mangiarsi l'un l'altro.

Se poi venissero allevati in Europa, non sarebbero protetti da alcuna legge: nonostante siano riconosciuti come esseri senzienti insieme ad altri cefalopodi invertebrati, l'attuale legge che regola il benessere degli animali da allevamento si applica solo ai vertebrati.

E i maiali? Allarghiamo il discorso: se ci preoccupiamo per i polpi, perché non preoccuparci anche per i maiali, che come dimostrano studi relativamente recenti hanno dimostrato di essere intelligenti? Qui, bisogna ammetterlo, le tesi si fanno un po' deboli: c'è chi sostiene che l'intelligenza di questi animali non fosse conosciuta fino a qualche anno fa, e che non si debbano ripetere gli errori dei passato (viene da domandarsi se sia dunque lecito perpetuare quelli già in atto); o chi spiega che i maiali vengono allevati da molti anni, e che sappiamo come preservarne il benessere (anche in questo caso ci sarebbe più di una obiezione da sollevare). Sembra però che i maiali non sollevino grandi dubbi etici, allora chi difenderà per davvero i polpi?

30 dicembre 2021 Chiara Guzzonato
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Oggi il presidente ucraino Zelensky, ieri l'imperatore Claudio, la contessa-guerriera Caterina Sforza, il sindacalista Lech Walesa, il sovrano Giorgio VI... Tutti leader per caso (o per forza) che le circostanze hanno spinto a mettersi in gioco per cambiare il corso della Storia. E ancora: nella Urbino di Federico da Montefeltro, un grande protagonista del Rinascimento; 30 anni fa, la morte di Giovanni Falcone a Capaci; lo scandalo Watergate che costrinse il presidente Nixon alle dimissioni; i misteri, mai risolti, attorno all'omicidio di Giovanni Borgia.

ABBONATI A 29,90€

Il mare è vita eppure lo stiamo sfruttando e inquinando rischiando il collasso dell’ecosistema globale. Per salvarlo dobbiamo intervenire. Come? Inoltre: perché è difficile prendere decisioni; esiste l'archivio globale dei volti; come interagire con complottisti e negazionisti; perché i traumi di guerra sono psicologicamente pesanti.

ABBONATI A 31,90€
Follow us