Animali

All'origine della vista

«Nel corso dell'evoluzione c'è un intervallo di tempo abbastanza preciso nel quale può essersi sviluppata, per la prima volta, la sensibilità alla luce nel regno animale: circa 600 milioni di anni fa.» È quanto afferma David Plachetzki, della University of California di Santa Barbara (Ucsb), autore di uno studio sull'hydra, animale acquatico della classe (o, più propriamente, "phylum") dei celenterati, a cui appartengono anche coralli, meduse e anemoni di mare. La ricerca ha permesso di scoprire nell'hydra un gene fotosensibile, l'opsin, assente in altri animali acquatici che vantano origini più lontane, come le spugne, e la precisione della datazione è una conseguenza del fatto che è noto che i precursori dell'hydra esitevano, appunto, circa 600 milioni di anni fa. Todd Oakley, coautore dello studio, spiega così un altro aspetto importante della scoperta: «È raro riuscire a documentare la mutazione specifica che dà origine a una nuova caratteristica evolutiva. Questa mutazione ha permesso al gene opsin di interagire in un modo completamente nuovo con diverse proteine, e nel tempo il processo si è tradotto nella macchina genetica della visione». La scoperta, secondo Oakley, è anche in aperta contraddizione con le teorie degli anti evoluzionisti, per i quali le mutazioni possono solo portare all'eliminazione di tratti e non producono nuove caratteristiche. L'hydra è un predatore, e i ricercatori ritengono che abbia usato la sensibilità alla luce per trovare le sue prede. (Foto © David Plachetzki/Ucsb: in blu, i geni opsin dell'hydra. In questo celenterato gli opsin sono distribuiti su tutto il corpo: non ha "occhi", ma è geneticamente sensibile alla luce.)

18 ottobre 2007
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

La vita, privata e politica, di Winston Churchill, il grande statista inglese che ha salvato il mondo dalla follia di Hitler. Il segreto della sua forza, le – non poche – debolezze, l'infanzia e i talenti dell'inquilino più famoso di Downing Street. E ancora: come nel 1021 il vichingo Leif Eriksson “scoprì” l'America; nella Vienna di Klimt; tutti gli inquilini del Quirinale; Tangentopoli e la fine della Prima Repubblica.

ABBONATI A 29,90€

Il lockdown e la rivoluzione digitale stanno cambiando il nostro modo di curarci. Ecco come gestire al meglio televisite e bit-terapie. Inoltre, gli impianti nucleari di nuova generazione; la prima missione del programma Artemis che ci riporterà sulla Luna; i vaccini e le infinite varianti del Coronavirus

ABBONATI A 31,90€
Follow us