Animali

All'origine della vista

«Nel corso dell'evoluzione c'è un intervallo di tempo abbastanza preciso nel quale può essersi sviluppata, per la prima volta, la sensibilità alla luce nel regno animale: circa 600 milioni di anni fa.» È quanto afferma David Plachetzki, della University of California di Santa Barbara (Ucsb), autore di uno studio sull'hydra, animale acquatico della classe (o, più propriamente, "phylum") dei celenterati, a cui appartengono anche coralli, meduse e anemoni di mare. La ricerca ha permesso di scoprire nell'hydra un gene fotosensibile, l'opsin, assente in altri animali acquatici che vantano origini più lontane, come le spugne, e la precisione della datazione è una conseguenza del fatto che è noto che i precursori dell'hydra esitevano, appunto, circa 600 milioni di anni fa. Todd Oakley, coautore dello studio, spiega così un altro aspetto importante della scoperta: «È raro riuscire a documentare la mutazione specifica che dà origine a una nuova caratteristica evolutiva. Questa mutazione ha permesso al gene opsin di interagire in un modo completamente nuovo con diverse proteine, e nel tempo il processo si è tradotto nella macchina genetica della visione». La scoperta, secondo Oakley, è anche in aperta contraddizione con le teorie degli anti evoluzionisti, per i quali le mutazioni possono solo portare all'eliminazione di tratti e non producono nuove caratteristiche. L'hydra è un predatore, e i ricercatori ritengono che abbia usato la sensibilità alla luce per trovare le sue prede. (Foto © David Plachetzki/Ucsb: in blu, i geni opsin dell'hydra. In questo celenterato gli opsin sono distribuiti su tutto il corpo: non ha "occhi", ma è geneticamente sensibile alla luce.)

18 ottobre 2007
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us