Focus

Passatempi intelligenti Vai allo speciale

Come fanno gli elefanti a ubriacarsi?

Mai visto elefanti ubriachi? Eppure succede, e questi animali non sono gli unici ad apprezzare l'alcol - e a non saperlo reggere. Ma è normale, e c'è una spiegazione.

Come fanno gli elefanti a ubriacarsi?
Qualcuno può spiegarmi come sono finito quassù? | Shutterstock

Potenza dell'alcol! Fa vittime anche tra insospettabili animali: elefanti che barcollano, alci che si incastrano tra gli alberi, scimpanzé su di giri... Insomma, anche tra gli animali l'alcol ha i suoi estimatori, e ad alcuni può annebbiare davvero i sensi. Com'è possibile? Sono talmente viziosi che pbastare qualche mela marcia rimasta a terra per ubriacarli? Certo, la fermentazione di frutta e nettare produce etanolo, ma non poi così tanto: la concentrazione di alcol arriva al 3,8% nel nettare e all'8,1% nella frutta. Non può bastare a stendere un elefante!

 

Focus 333, luglio 2020
Il rapporto tra animali e alcolici è trattato in dettaglio su Focus 333 (luglio 2020). | Focus

Sbronze bestiali. Come spiega in dettaglio Giovanna Camardo sul numero di Focus in edicola (luglio 2020) una ricercatrice dell'Università di Calgary (Canada), Mareike Janiak, ha voluto indagare sul tema delle sbronze bestiali studiando, per 85 mammiferi, il funzionamento del gene ADH7, deputato a codificare un enzima che serve a eliminare l'alcol. Risultato? Il gene ADH7 non funziona più nei mammiferi che non consumano regolarmente frutta o nettare, ma si nutrono di erba (bovini, cavalli, pecore), fogliame (castori, elefanti) o carne (canidi, cetacei).

 

Elefanti e alci su di giri. Ogni tanto spuntano storie di elefanti da cui stare alla larga, ubriachi per essersi abbuffati di frutti fermentati di marula, un albero africano che può raggiungere anche 20 metri di altezza. In passato, gli scienziati le avevano messe in dubbio sostenendo che i pachidermi, essendo così grandi, dovrebbero mangiare enormi quantità di quei frutti per sbronzarsi.

 

Non la pensa così Mareike Janiak: gli elefanti si nutrono principalmente di fogliame, quindi hanno una versione non funzionante del gene ADH7 e pertanto non reggono l'alcol. Probabilmente come gli alci, che sono stati visti con sintomi simili all'ebbrezza e addirittura con le corna incastrate tra gli alberi, dopo aver mangiato mele marce.

La regola c'è, ma non vale per tutti! Va molto meglio alle volpi volanti e ad altri pipistrelli, o ad altri piccoli mammiferi come la tupaia: loro sì che reggono bene l'alcol dopo una scorpacciata di frutta ben fermentata! Restano in piedi anche scimpanzé, bonobo e gorilla. Perché queste differenze? Perché come noi umani sono equipaggiati con una mutazione del gene ADH7 che migliora la capacità di metabolizzare l'etanolo. Vanno matti per la linfa di palma fermentata: la rubano dai contenitori appesi agli alberi in cui viene raccolta per produrre il vino di palma

 

7 luglio 2020 | Fabrizia Sacchetti