Animali

Agli oranghi il record di allattamento

Possono proseguire a nutrire i "piccoli" anche per 9 anni, sostenendoli quando la frutta scarseggia. È il più lungo svezzamento osservato nei mammiferi.

Gli oranghi allattano i loro cuccioli più a lungo di ogni altro mammifero. Questo si sapeva, ma per quanto esattamente proseguissero non era ancora noto. Anziché provare a rispondere avvistando gli animali tra gli alberi, i primatologi della Icahn School of Medicine at Mount Sinai (New York) e della Griffith University (Australia) hanno scelto un approccio diverso: hanno studiato la composizione dei denti di alcuni oranghi di varie età.

memoria biografica. Durante l'allattamento, alcuni importanti elementi chimici - come il calcio - si trasferiscono, e si accumulano, nelle ossa e nei denti del cucciolo. La loro analisi può essere rivelatrice come quella degli anelli degli alberi. Dalla quantità di un elemento in particolare, il bario, nei denti degli oranghi-figli, i ricercatori hanno dedotto quanto a lungo, e con quale continuità, gli animali fossero stati allattati.

Un quarto di vita. È emerso che gli oranghi consumano quasi esclusivamente latte materno per il primo anno di vita, e poi la percentuale di questo alimento diminuisce, ma non del tutto: un esemplare analizzato è stato allattato fino a poco prima della morte, a 9 anni di vita (un orango del Borneo, Pongo pygmaeus, vive circa 35-40 anni).

Rabbocco. La quantità di latte assunta sembra fluttuare in base alla disponibilità di cibo dell'habitat naturale. Quando la frutta scarseggia, le madri forniscono un supplemento extra all'alimentazione dei figli. Questo lungo rapporto di dipendenza potrebbe rendere gli oranghi ancora più fragili di fronte alla distruzione delle foreste in cui vivono. Lo studio potrebbe fornire dettagli anche sull'evoluzione dell'allattamento in altri mammiferi, compreso l'uomo.

19 maggio 2017 Elisabetta Intini
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us