Animali

Dagli abissi australiani riecco il pesce senza faccia

Il suo primo avvistamento risale al 1873. Poi è scomparso per 144 anni. Fino a pochi giorni fa, quando è stato ripescato al largo delle coste australiane.

Misura poco più di 50 cm, sembra non avere né occhi, né naso, neppure le branchie e la bocca è molto nascosta. Per questo è stato denominato "il pesce senza faccia" e rappresenta ancora un mistero per i ricercatori.

Questa strana creatura degli abissi è stata ripescata a 4 km di profondità al largo delle coste di Sydney (Australia). Si tratta del secondo esemplare mai osservato fino ad ora.

L'ultimo avvistamento. Questa creatura degli abissi, infatti, venne avvistata per la prima nel 1873. A registrare la presenza di questo stranissimo pesce fu l'equipaggio dell'HMS Challenger che lo trovò nelle acque della Papua Nuova Guinea. Da allora la sua presenza è rimasta un mistero.

«Questo piccolo pesce è sorprendente - ha spiegato Tim O'Hara, il ricercatore a capo della spedizione che ha recuperato l'esemplare - perché la bocca si trova sulla pancia dell'animale; quindi, quando lo si osserva di lato non si scorgono gli occhi, non si vede il naso, le branchie o la bocca».

Studiare gli abissi. A ripescare il "pesce senza faccia" nel 2017 è stata una spedizione di ricercatori del Victoria Museum e del Commonwealth Scientific and Industrial Research Organization (CSIRO), composta da 27 scienziati, 13 tecnici e 20 membri di equipaggio.

La spedizione ha dragato il fondo dell'oceano con una benna collegata a un sottilissimo cavo lungo 8 km scoprendo numerose nuove specie. «Abbiamo trovato granchi, vermi marini e altri animali che sono, a oggi, sconosciuti alla scienza» ha detto O'Hara. «Secondo gli esperti - ha continuato il ricercatore - "un terzo delle specie che popolano i nostri mari sono ancora da scoprire e da classificare».

Lo studio sul nuovo esemplare di "pesce senza faccia".
6 giugno 2017 Andrea Rubin
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Chi erano i gladiatori? Davvero lottavano sempre all’ultimo sangue? Con quali armi e tecniche combattevano? Perché gli imperatori investivano una fortuna sui loro spettacoli di morte? Entriamo negli anfiteatri della Roma imperiale per conoscere da vicino gli atleti più famosi dell’antichità. E ancora: come la moda del Novecento ha ridato la libertà alle donne; alla scoperta di Monte Verità, la colonia sul lago Maggiore paradiso di vegani e nudisti; i conflitti scoppiati per i motivi più stupidi; la guerra al vaccino antivaiolo dei primi no vax; le Repubbliche Sorelle.

ABBONATI A 29,90€
Focus e il WWF festeggiano insieme il compleanno: Focus è in edicola da 30 anni e il WWF si batte da 60 per la difesa della natura e degli ecosistemi. Insieme al WWF, Focus è andato nelle riserve naturali e nei luoghi selvatici del mondo per scoprire come lavorano i loro ricercatori e volontari per aiutare la Terra e i suoi abitanti. Inoltre: perché i cicloni sono sempre più violenti; perché la miopia sta diventando un'emergenza globale; come sarebbero gli alieni (se esistessero).
ABBONATI A 29,90€
Follow us