Animali

Dagli abissi australiani riecco il pesce senza faccia

Il suo primo avvistamento risale al 1873. Poi è scomparso per 144 anni. Fino a pochi giorni fa, quando è stato ripescato al largo delle coste australiane.

Misura poco più di 50 cm, sembra non avere né occhi, né naso, neppure le branchie e la bocca è molto nascosta. Per questo è stato denominato "il pesce senza faccia" e rappresenta ancora un mistero per i ricercatori.

Questa strana creatura degli abissi è stata ripescata a 4 km di profondità al largo delle coste di Sydney (Australia). Si tratta del secondo esemplare mai osservato fino ad ora.

L'ultimo avvistamento. Questa creatura degli abissi, infatti, venne avvistata per la prima nel 1873. A registrare la presenza di questo stranissimo pesce fu l'equipaggio dell'HMS Challenger che lo trovò nelle acque della Papua Nuova Guinea. Da allora la sua presenza è rimasta un mistero.

«Questo piccolo pesce è sorprendente - ha spiegato Tim O'Hara, il ricercatore a capo della spedizione che ha recuperato l'esemplare - perché la bocca si trova sulla pancia dell'animale; quindi, quando lo si osserva di lato non si scorgono gli occhi, non si vede il naso, le branchie o la bocca».

Studiare gli abissi. A ripescare il "pesce senza faccia" nel 2017 è stata una spedizione di ricercatori del Victoria Museum e del Commonwealth Scientific and Industrial Research Organization (CSIRO), composta da 27 scienziati, 13 tecnici e 20 membri di equipaggio.

La spedizione ha dragato il fondo dell'oceano con una benna collegata a un sottilissimo cavo lungo 8 km scoprendo numerose nuove specie. «Abbiamo trovato granchi, vermi marini e altri animali che sono, a oggi, sconosciuti alla scienza» ha detto O'Hara. «Secondo gli esperti - ha continuato il ricercatore - "un terzo delle specie che popolano i nostri mari sono ancora da scoprire e da classificare».

Lo studio sul nuovo esemplare di "pesce senza faccia".
6 giugno 2017 Andrea Rubin
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Albert Einstein amava la vita, la fisica e odiava le regole. Osteggiato in patria e osannato nel mondo, vinse molte battaglie personali e scientifiche. A cento anni dal Nobel, il ritratto del più
grande genio del Novecento che ha rivoluzionato le leggi del tempo e dello spazio. E ancora: la storia di Beppe Fenoglio, tra scrittura e Resistenza; l'impresa di Champollion, che 200 anni fa decodificò la stele di Rosetta e svelò i segreti degli antichi Egizi; contro il dolore, la fatica, la noia: le droghe naturali più usate nel corso dei secoli.

ABBONATI A 29,90€

Il sonno è indispensabile per rigenerare corpo e mente. Ma perché le nostre notti sono sempre più disturbate? E a che cosa servono i sogni? La scienza risponde. E ancora: pregi e difetti della carne, alimento la cui produzione ha un grande impatto sul Pianeta; l'inquinamento e le controindicazioni dell’energia alternativa per gli aerei; perché ballare fa bene (anche) al cervello. 

ABBONATI A 31,90€
Follow us