Abbiamo ancora bisogno degli zoo?

Giardini zoologici, bioparchi, zoo... i nomi sono diversi, la sostanza la stessa: luoghi dove tenere animali che - in natura - avrebbero altri stili di vita. Hanno ancora senso? A voi la parola

gaston_lacombe_captive_0002_preview
Il territorio di una tigre è di 10 km2, la sua gabbia arriva al massimo a 2.500 m2
(4.000 volte meno). Questa è in Sri Lanka. |
In edicola

La foto di Gaston Lacombe di questa pagina fa parte di un reportage sugli zoo pubblicato sul numero 254 di Focus in edicola dal 21 novembre al 20 dicembre 2013. «Con queste foto non voglio condannare i giardini zoologici, invito a ripensare al concetto di zoo» spiega il fotografo francese.

In Italia è praticamente impossibile fare un censimento degli zoo. Per legge, infatti, i giardini zoologici sono le strutture che espongono al pubblico animali per almeno sette giorni all’anno.

Sulla carta nascono per difendere la biodiversità. Nella realtà sono prigioni. Anche quelli più prestigiosi, come lo Zoo di Londra che conduce un incredibile lavoro scientifico, non riescono ad assicurare una vita degna ai loro ospiti.

Che cosa ne pensate? C’è ancora spazio per gli zoo? Che emozioni provate guardando foto come queste? Condividete con noi le vostre opinioni e sensazioni.

Potete farlo via Facebook, cliccando sull'immagine qui sotto andrete sulla nostra pagina sul social network.
Oppure su Twitter con l'hashtag #FocusZoo (vedi anche la timeline sotto la foto) o su Google+. In alternativa ci sono sempre i commenti a fine pagina.

 

(function(d, s, id) { var js, fjs = d.getElementsByTagName(s)[0]; if (d.getElementById(id)) return; js = d.createElement(s); js.id = id; js.src = "//connect.facebook.net/it_IT/all.js#xfbml=1"; fjs.parentNode.insertBefore(js, fjs); }(document, 'script', 'facebook-jssdk'));

 

 

 

4 dicembre 2013