Due ruote e un gregge

Non solo i gatti possono avere più di una vita: anche Abayed, un cane da pastore di 6 anni, ha avuto una seconda chance. Rimasto paralizzato in seguito a un colpo di pistola alla schiena, è stato curato allo Humane Center for Animal Welfare di Amman, in Giordania, e grazie a uno speciale deambulatore su due ruote è tornano a camminare e a inseguire le pecore, diventando una vera star.

A ciascuno la sua zampa: un viaggio alla scoperta delle estremità più curiose tra natura e tecnologia.
Guarda anche il video di Jack, la pecora che si crede un cane da pastore.

rtr3eb0n_phatchrtr3eb10_phatchrtr3eb0m_phatchrtr3eb0f_phatchrtr3eb1p_phatchrtr3eb15_phatchApprofondimenti
rtr3eb0n_phatch

Ci vuol ben altro che un proiettile per fermare un cane tenace come Abayed. La sua è una storia che ha dell'incredibile: scambiato per un cane randagio, due anni fa è stato ferito con un colpo di pistola alla spina dorsale nell'ambito di un programma di riduzione del randagismo in Giordania.

Trovato immobile e ululante di dolore dai suoi proprietari, pastori come lui, è stato trasportato al vicino Humane Center for Animal Welfare di Amman dove, anziché abbatterlo come da prassi, è stato deciso di assecondare la sua incredibile voglia di vivere dandogli un'altra chance. Dopo un intervento e il lungo ricovero, grazie a una speciale struttura a due ruote realizzata apposta per lui, Abayed - che in italiano significa "bianco" - è tornato a condurre una vita pressoché normale.
 



E tu capisci cosa dice il tuo cane? Scoprilo con il multimedia di Focus.it.

rtr3eb10_phatch

A metà tra un carrellino e una sedia a rotelle, il supporto ideato su misura per Abayed permette di sostenere le zampe posteriori rimaste paralizzate dopo l'incidente. Grazie a esso, il meticcio di sei anni ha potuto tornare a pascolare il suo gregge di pecore, divenendo una vera star nella città giordana di Amman.
 



Cani alla riscossa: guarda le più belle foto dei nostri beniamini a quattro zampe.

rtr3eb0m_phatch

Nei suoi giorni da pastore, Abayed veniva utilizzato per governare un gregge di oltre 100 capi. E anche se la sua vita lavorativa è terminata con il terribile incidente, ancora oggi Abayed non sa resistere a pecore e capre e non perde occasione per tornare a fare il pastore quando le incontra nei pascoli giordani intorno al rifugio in cui vive.
 



Un giorno da pecora: guarda la gallery.
A ciascuno il proprio pet: gli animali domestici più strani del mondo.

rtr3eb0f_phatch

Abayed, dopo una giornata all'aperto, fa ritorno allo Humane Center for Animal Welfare. Dopo l'incidente che gli ha fatto perdere l'uso delle gambe, infatti, i pastori con cui viveva non potevano più prendersi cura di lui. Da quel momento, quindi, la sua nuova casa è diventata il rifugio che gli ha ridato la vita, all'interno del quale può salire e scendere dalle rampe in completa autonomia.
 



Se si trova per strada un cane o un gatto abbandonato, che cosa è meglio fare?

rtr3eb1p_phatch

Margaret Ledger, la responsabile dello Humane Center for Animal Welfare di Amman, si prende cura di Abayed. Fu lei a prendere la decisione di non sopprimere il cane dopo l'incidente, convinta che la voglia di vivere e la tenacia di questa bestiola meritassero una seconda opportunità.
 



E tu sai cosa può e non può mangiare il tuo cane? Scoprilo con questo divertente multimedia.

rtr3eb15_phatch

E dopo una giornata all'aperto anche per Abayed arriva il momento del meritato riposo. Abbandonato il carrellino-deambulatore, il cagnolino con due zampe e due ruote che si fa rispettare da un intero gregge si sdraia placido nella sua cuccia.
 




Ma cani e gatti sognano come noi? Scoprilo qui.

Sonni bestiali: la gallery da guardare in silenzio.

Ci vuol ben altro che un proiettile per fermare un cane tenace come Abayed. La sua è una storia che ha dell'incredibile: scambiato per un cane randagio, due anni fa è stato ferito con un colpo di pistola alla spina dorsale nell'ambito di un programma di riduzione del randagismo in Giordania.

Trovato immobile e ululante di dolore dai suoi proprietari, pastori come lui, è stato trasportato al vicino Humane Center for Animal Welfare di Amman dove, anziché abbatterlo come da prassi, è stato deciso di assecondare la sua incredibile voglia di vivere dandogli un'altra chance. Dopo un intervento e il lungo ricovero, grazie a una speciale struttura a due ruote realizzata apposta per lui, Abayed - che in italiano significa "bianco" - è tornato a condurre una vita pressoché normale.
 


E tu capisci cosa dice il tuo cane? Scoprilo con il multimedia di Focus.it.