Animali

A caccia di orche con il drone

Un team ricercatori canadesi ha utilizzato per la prima volta un drone per monitorare i branchi di orche. Ecco che cosa hanno scoperto.

Un team di scienziati del Vancouver Aquarium, insieme ai colleghi del National Oceanic and Atmospheric Administration, ha per la prima volta utilizzato un drone per monitorare i branchi di orche che vivono nel Pacifico, al largo della costa occidentale degli Stati Uniti.


Safari oceanico. In 60 voli l’esacottero, un apparecchio costruito dalla Aerial Imaging Solution e progettato per le riprese in mare aperto, ha raccolto oltre 30.000 immagini e diverse ore di video. Il progetto ha permesso ai biologi di scoprire le abitudini quotidiane di diversi branchi di orche e di identificare le femmine incinte e di valutarne lo stato di salute. Tutte operazioni che fino ad oggi, per essere portate a termine, richiedevano la cattura dei cetacei con sistemi costosi e comunque traumatici.

Telemedicina per balene. Le orche, quando non trovano sufficiente cibo, attingono alle loro riserve di grasso; man mano che questo si consuma viene sostituito da acqua. Grazie alle immagini riprese dall’alto i ricercatori hanno potuto quindi misurare e valutare la circonferenza degli animali e determinarne la condizione clinica.

Come si vede dalle immagini, le orche non sembrano infastidite dalla presenza del drone. L’apparecchio, a differenza degli elicotteri convenzionali, è risultato praticamente invisibile.

Grande fratello. «L’esacottero ci ha permesso di osservare gli animali durante la caccia, i cuccioli giocare tra loro, e di comprendere a fondo le dinamiche dei gruppi famigliari», ha spiegato Lance Barret-Lennard, uno degli scienziati coinvolti nel progetto. «Il nostro obiettivo per gli anni a venire è quello di focalizzarci sulla popolazione di orche residenti in queste acque e di assicurarci che abbiano cibo a sufficienza» ha concluso.

27 ottobre 2014 Rebecca Mantovani
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Sulle orme di Marco Polo, il nostro viaggiatore più illustre che 700 anni fa dedicò un terzo della sua vita all’esplorazione e alla conoscenza dell’Oriente, in un’esperienza straordinaria che poi condivise con tutto il mondo attraverso "Il Milione". E ancora: un film da Oscar ci fa riscoprire la figura di Rudolf Höss, il comandante di Auschwitz che viveva tranquillo e felice con la sua famiglia proprio accanto al muro del Lager; le legge e le norme che nei secoli hanno vessato le donne; 100 anni fa nasceva Franco Basaglia, lo psichiatra che "liberò" i malati rinchiusi nei manicomi.

ABBONATI A 29,90€

Che cosa c’era "prima"? Il Big Bang è stato sempre considerato l’inizio dell’universo, ma ora si ritiene che il "nulla" precedente fosse un vuoto in veloce espansione. Inoltre, come si evacua un aereo in caso di emergenza? Il training necessario e gli accorgimenti tecnici; che effetto fa alla psiche il cambiamento climatico? Genera ansia ai giovani; esiste la distinzione tra sesso e genere tra gli animali? In alcune specie sì. Con quali tecniche un edificio può resistere a scosse devastanti? Siamo andati nei laboratori a prova di terremoti.

 

ABBONATI A 31,90€
Follow us