Animali

A caccia di orche con il drone

Un team ricercatori canadesi ha utilizzato per la prima volta un drone per monitorare i branchi di orche. Ecco che cosa hanno scoperto.

Un team di scienziati del Vancouver Aquarium, insieme ai colleghi del National Oceanic and Atmospheric Administration, ha per la prima volta utilizzato un drone per monitorare i branchi di orche che vivono nel Pacifico, al largo della costa occidentale degli Stati Uniti.


Safari oceanico. In 60 voli l’esacottero, un apparecchio costruito dalla Aerial Imaging Solution e progettato per le riprese in mare aperto, ha raccolto oltre 30.000 immagini e diverse ore di video. Il progetto ha permesso ai biologi di scoprire le abitudini quotidiane di diversi branchi di orche e di identificare le femmine incinte e di valutarne lo stato di salute. Tutte operazioni che fino ad oggi, per essere portate a termine, richiedevano la cattura dei cetacei con sistemi costosi e comunque traumatici.

Telemedicina per balene. Le orche, quando non trovano sufficiente cibo, attingono alle loro riserve di grasso; man mano che questo si consuma viene sostituito da acqua. Grazie alle immagini riprese dall’alto i ricercatori hanno potuto quindi misurare e valutare la circonferenza degli animali e determinarne la condizione clinica.

Come si vede dalle immagini, le orche non sembrano infastidite dalla presenza del drone. L’apparecchio, a differenza degli elicotteri convenzionali, è risultato praticamente invisibile.

Grande fratello. «L’esacottero ci ha permesso di osservare gli animali durante la caccia, i cuccioli giocare tra loro, e di comprendere a fondo le dinamiche dei gruppi famigliari», ha spiegato Lance Barret-Lennard, uno degli scienziati coinvolti nel progetto. «Il nostro obiettivo per gli anni a venire è quello di focalizzarci sulla popolazione di orche residenti in queste acque e di assicurarci che abbiano cibo a sufficienza» ha concluso.

27 ottobre 2014 Rebecca Mantovani
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us