Sotto tiro

spl_c0090867_mosquito_web
Gli occhi composti di una zanzara visti al microscopio elettronico.
Vi sentite osservati? Non avete tutti i torti. In effetti gli occhi composti di questa zanzara vi stanno fissando. Ciascuna di queste "sfere" chiamate ommatidi è una singola lente che manda un preciso segnale al cervello. La somma di migliaia di segnali va a costituire una visione a mosaico del mondo, forse non particolarmente nitida, ma l'ideale per percepire il movimento delle prede. Da qualche tempo la lotta alle fastidiose succhia-sangue sta seguendo una strada naturale, che evita l'uso di inquinanti e dannosi pesticidi. Per eliminare le zanzare meglio adottare uno dei suoi nemici giurati: i pipistrelli, che di questi insetti si nutrono e in una sola notte ne possono mangiare fino a 2 mila. Lanciata 5 anni fa dal Museo di Storia Naturale di Firenze, l'iniziativa di comprare una casetta per pipistrelli da mettere sul balcone è già stata apprezzata da migliaia di persone. In questo modo, oltre a scacciare le zanzare, si partecipa attivamente alla conservazione dei chirotteri, minacciati dalla crescente urbanizzazione del loro habitat.
20 Giugno 2011 | Elisabetta Intini