Animali

1.500 anni fa la volpe era un animale da compagnia?

Uno studio rianalizza i resti di una volpe morta 1.500 anni fa in Argentina ipotizzando che all'epoca vivesse come animale domestico nelle società di cacciatori raccoglitori.

Ci fu un tempo in cui non era il cane il migliore amico dell'uomo, ma la volpe: è quanto suggerisce uno studio pubblicato su Royal Society Open Science, che ha rianalizzato i resti di un sito di sepoltura portato alla luce nel 1991 in provincia di Buenos Aires, Argentina, traendo nuove conclusioni. Le ossa di una volpe vissuta 1.500 anni fa sono state ritrovate accanto a quelle di umani e per questo i ricercatori avanzano l'ipotesi che l'animale condividesse la vita con i cacciatori raccoglitori della zona.

Sepolture congiunte. I resti, che risalgono a circa 600-800 anni prima dell'arrivo dei cani domestici in Patagonia, appartengono a una Dusicyon Avus, una specie di volpe grande circa quanto un pastore tedesco che si estinse 500 anni fa. Secondo Ophélie Lebrasseur, una degli autori, non vi sono segni che la volpe sia stata mangiata, e al contrario lo stato di conservazione dei resti dell'animale suggeriscono che venne seppellito volontariamente e non abbandonato. «Venne forse tumulata assieme ai resti umani», ipotizza.

Dieta condivisa. Analizzando gli isotopi delle ossa dell'animale siamo riusciti a risalire alla sua dieta: contrariamente ai suoi simili carnivori, questa volpe mangiava lo stesso cibo degli abitanti umani della zona, compreso il mais: «O gli umani le davano da mangiare, o si nutriva dei loro rifiuti: in ogni caso viveva in zona», spiega Lebrasseur.

Conferme dal passato. Non è la prima volta che troviamo i resti di una volpe accanto a quelli umani: quasi dieci anni fa avevamo scoperto in un'altra località in provincia di Buenos Aires le ossa di una volpe risalenti al II millennio a.C. vicino a delle tombe di cacciatori raccoglitori. All'epoca, l'autore dello studio aveva avanzato la stessa ipotesi – che l'animale vivesse integrato nella società umana.

11 giugno 2024 Chiara Guzzonato
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us