Ci dai un passaggio?

iber_77708_web
Dopo qualche titubanza queste coccinelle si sono decise ad abbandonare il loro tranquillo cantuccio assolato sui monti Uludaz, in Turchia, per farsi dare uno "strappo" dal camaleonte che ondeggiava nei paraggi. Disseminate sulla sua pelle non sembrano affatto preoccupate del proverbiale appetito del loro "tassista".
La lingua appiccicosa e retrattile dei camaleonti, che una volta distesa può risultare lunga quanto il loro intero corpo, si estende in un sedicesimo di secondo, tanto quanto basta per catturare un grillo, una cavalletta o una mosca a mezz'aria. Dopo aver conquistato la preda il rettile arrotola la lingua più lentamente, quasi pregustando il boccone.
Non perderti la gallery dedicata ai rettili
Il camaleonte che cambia colore con gli occhiali (ma sarà possibile?)
13 Settembre 2011 | Elisabetta Intini