10 cose da sapere sui camaleonti

I cambiamenti cromatici per farsi bello, gli occhi "alieni" e indipendenti, gli imprevedibili cicli vitali. Curiosità da raccontare agli amici su un rettile - fotogenico - che non cessa di stupire.

johanwikicon_h_18.00518212con_h_13.01134853worlds-smallest-and-tiniest-chameleontapiokaislacon_h_13.01040237con_h_13.01306878frankvasseninesApprofondimenti
johan

Cambiano colore... per amore. E non semplicemente per mimetizzarsi con l'ambiente circostante. La maggior parte dei camaleonti ha una colorazione che ben si adatta all'habitat di appartenenza. Quando i rettili mutano aspetto, è in genere per distinguersi dallo sfondo, e spiccare agli occhi della potenziale partner. I maschi che competono per una compagna, ingaggiano spesso lotte all'ultimo... colpo di colore. Guardando le variazioni cromatiche della loro pelle è anche possibile capire chi vincerà: gli esemplari che durante lo scontro hanno il capo più variopinto e colorato avranno la meglio.

wiki

Riflettono la luce come specchi. Anche il modo in cui i camaleonti cambiano colore è un po' diverso da come ce lo si aspetterebbe. Fino a pochi mesi fa si pensava che riuscissero a mutare aspetto disperdendo pigmenti colorati sotto all'epidermide. Ma questo meccanismo è solo in parte corretto. Uno studio pubblicato da Nature nel marzo 2015 chiarisce che le variazioni cromatiche dipendono da un doppio strato di nanocristalli che riflettono la luce, incorporati nelle cellule della pelle di questi animali. Cambiando la posizione di questi cristalli, vengono riflesse lunghezze d'onda diverse. Nella foto, un camaleonte di Namaqua (Chamaeleo namaquensis), tipico dei deserti africani, assume una colorazione nera a scopo difensivo. Nelle prime ore del mattino, questo colore serve a incamerare la maggiore quantità di calore possibile.

con_h_18.00518212

Hanno occhi indipendenti. Questi rettili non sono curiosi solo nell'aspetto, ma anche nel modo in cui guardano il mondo. I loro occhi sono infatti capace di muoversi in maniera autonoma, seguendo ciascuno un oggetto diverso. Ma al momento di concentrarsi sulla preda, convergono sullo stesso target, passando alla visione stereoscopica che consente di percepire con precisione la profondità di campo, e attivare la lingua di conseguenza.

con_h_13.01134853

Nascondono una catapulta tra le fauci. A proposito di lingua, quella dei camaleonti, a forma di clava e coperta da una secrezione appiccicosa, può essere catapultata all'esterno con la precisione di una catapulta, raggiungendo in un istante una lunghezza che può superare quella del corpo del rettile. Uno studio del 2004 ha mostrato che la lingua di un camaleonte di Meller (Trioceros melleri) raggiunge una velocità di 6 m/s e si scaglia su una preda distante una volta e mezzo il corpo dell'animale in un decimo di secondo. Nella foto, il pasto di un camaleonte di Jackson (Trioceros jacksonii). Guarda anche il pasto in slow motion di un camaleonte

worlds-smallest-and-tiniest-chameleon

Ce ne sono di tutte le taglie. L'ultimo censimento, pubblicato nel 2015, conta più di 200 specie, metà delle quali endemiche del Madagascar. Alcuni sono talmente piccoli da passeggiare tranquillamente su un'unghia o una capocchia di fiammifero. Nella foto, un giovane esemplare di Brookesia micra, che da adulto raggiungerà al massimo i 3 cm di lunghezza. Vedi anche la carica dei camaleonti lillipuziani del Madagascar

tapiokaisla

Sono un po' duri d'orecchi. Come i serpenti, i camaleonti sono privi di padiglione auricolare e di orecchio interno. Tuttavia, non sembra siano completamente sordi: possono sentire a frequenze comprese tra i 200 e i 600 Hz, e alcune specie comunicano con vibrazioni sui rami e suoni a bassa frequenza non udibili dagli esseri umani.

con_h_13.01040237

Alcuni hanno un bizzarro ciclo di vita. I camaleonti di Labord (Furcifer labordi), un'altra specie endemica del Madagascar, hanno un ciclo vitale che ricorda quello di alcuni insetti, il più corto mai registrato per un vertebrato terrestre. Le uova si schiudono a novembre, con le piogge; gli esemplari raggiungono l'età adulta e si riproducono a gennaio, per deporre le uova a febbraio-marzo. Subito dopo, l'intera popolazione muore, fino all'autunno successivo.

con_h_13.01306878

Hanno zampe a tenaglia. È questo il segreto della sicurezza con cui si spostano sui rami. Le zampe hanno due dita principali con due o tre artigli rispettivamente, che si serrano attorno a rami e cortecce e permettono ai rettili di non scivolare. Le zampe anteriori hanno due artigli sul dito esterno e tre in quello interno. In quelle posteriori, per ragioni di equilibrio, la proporzione è invertita.

frankvassen

I maschi sono più... decorati. Il dismorfismo sessuale è molto accentuato tra camaleonti, e i maschi sono in genere più naturalmente "agghindati" delle femmine: presentano corna, creste e vistose appendici nasali (come quella di questo Calumma gallus fotografato in Madagascar). Una carrellata di corna del regno animale

ines

Hanno una vista agli ultravioletti. Oltre a quella nella luce visibile. Gli esemplari esposti ai raggi UV mostrano un maggiore appetito e una migliore predisposizione alla caccia e all'accoppiamento, grazie agli effetti positivi sulla ghiandola pineale, fondamentale per la regolazione dei ritmi circadiani.

Cambiano colore... per amore. E non semplicemente per mimetizzarsi con l'ambiente circostante. La maggior parte dei camaleonti ha una colorazione che ben si adatta all'habitat di appartenenza. Quando i rettili mutano aspetto, è in genere per distinguersi dallo sfondo, e spiccare agli occhi della potenziale partner. I maschi che competono per una compagna, ingaggiano spesso lotte all'ultimo... colpo di colore. Guardando le variazioni cromatiche della loro pelle è anche possibile capire chi vincerà: gli esemplari che durante lo scontro hanno il capo più variopinto e colorato avranno la meglio.