Le più belle foto di macachi

Le straordinarie immagini di un raro macaco indonesiano che si è fotografato da solo, mentre gironzolava intorno all'equipaggiamento di un fotografo, e altre belle immagini di macachi immortalati nelle loro attività quotidiane.

iber_76421_webiber_76422_webiber_76420_web2005122912560_5npl_01173357_macaco2004112212550_8iber_69268_webmin_00125799_alta04corbis_42-24249423Approfondimenti
iber_76421_web

Un soggetto in primo piano, un autoscatto, un sorriso smagliante (v. foto successiva) e la foresta sullo sfondo. La posa perfetta da postare su Facebook se non fosse che il protagonista è un raro macaco nero crestato del Sulawesi (Macaca nigra) fotografatosi in totale autonomia mentre prendeva confidenza con l'equipaggiamento di un fotografo inglese.
David Slater, 46 anni, stava visitando un piccolo parco nazionale nell'isola del nord dell'Indonesia quando ha deciso di incontrare i buffi primati. Dopo una marcia di tre giorni al seguito di una guida locale si è imbattuto nelle creature, che pur non essendo abituate al contatto con l'uomo si sono dimostrate da subito molto amichevoli. È bastato che il fotografo si assentasse per qualche minuto, abbandonando l'attrezzatura tra le scimmie, che i macachi hanno iniziato a gironzolare intorno al treppiede con la macchina fotografica, incuriositi dalla loro immagine riflessa nella lente.

iber_76422_web

Un esemplare particolarmente intraprendente ha schiacciato il pulsante per scattare, e incuriosito dal rumore ha ripetuto l'operazione centinaia di volte. All'inizio il resto del gruppo si è spaventato, ma la paura si presto dissipata lasciando il posto alla curiosità. «Prima che riuscissi a recuperare la mia fotocamera avevano realizzato centinaia di scatti» ha spiegato il fotografo, che è tornato indietro in tempo per gustarsi la scena. «All'inizio hanno fatto molte foto di denti» ha riferito «anche se gran parte degli scatti è venuta sfocata».

iber_76420_web

I macachi neri crestati sono a rischio estinzione, vivono concentrati nelle foreste dell'isola indonesiana di Sulawesi e trascorrono la maggior parte del tempo a terra a socializzare con gli altri esemplari del proprio gruppo. Quando la foto ha iniziato a circolare in rete, in molti hanno sospettato si trattasse di un falso. Ma il fotografo garantisce che è tutto vero: «Il fatto è che sembrano già molto buffi di loro, con quel ciuffo di peli un po' punk sulla testa e gli occhi rossastri» ha detto divertito.

2005122912560_5

Il gioco riveste un ruolo essenziale nello sviluppo cerebrale e nelle interazioni sociali di questi primati. Qui, una coppia di macachi del Giappone (Macaca fuscata) si prepara a una battaglia di palle di neve.

npl_01173357_macaco

Una strofinata tra le dita dei piedi è proprio quello che ci vuole per iniziare bene la giornata. E i macachi giapponesi sono degli habitué nella cura del corpo. Queste scimmie asiatiche infatti passano parecchio del loro tempo a mollo nell’acqua, soprattutto d’inverno quando le temperature sono molto rigide e l’unico modo per stare al caldo è sguazzare tra le acque termali del parco Jigokudani, situato in una zona montagnosa del Giappone centrale.

2004112212550_8

Sembra proprio un ghiacciolo. È invece si tratta di una palla di neve che un piccolo di macaco giapponese ( Macaca fuscata) sembra divertirsi a mangiare. In realtà, questa specie di scimmie si ciba principalmente di frutta, ma in mancanza non disdegna foglie, fiori, insetti e cortecce. La sua dieta infatti è fondamentalmente regolata dal clima della zona in cui vive, il nord dell'isola di Honsu, una zona inclemente, ricoperta di neve per 8 mesi all'anno.

iber_69268_web

Sembra che davanti agli occhi di questi cuccioli di macaco cinomolgo (Macaca fascicularis) si stia svolgendo una scena che è meglio non vedere. In realtà all'interno del Monkey Forest Park di Ubud Bali (Indonesia), dove vivono i due, tutto scorre tranquillo. Davanti alle scimmiette c'è semplicemente una donna in gita, l'indonesiana Anne Young, autrice dello scatto. Più probabile allora che i primati stiano giocando.

min_00125799_alta

Dal caldo torrido della savana al gelo delle zone montuose nel nord del Giappone. I macachi giapponesi (Macaca fuscata) - riconoscibili per la colorazione rosso acceso del loro volto - si possono trovare in habitat molto diversi. Queste sono le impronte lasciate sulla neve. Ma c'è una mano umana? È solo un'impressione, perché proprio come noi questi animali hanno il pollice opponibile che permette cioè la presa (e la manipolazione) degli oggetti.

04

Un macaco nero di Sulawesi guarda con interesse l'obiettivo fotografico. Lo scatto è stato realizzato da Stefano Unterthiner, uno dei più importanti fotografi di natura italiani. Vai alla gallery con le sue foto più belle

corbis_42-24249423

Due macachi impegnati nella quotidiana attività di grooming.

Un soggetto in primo piano, un autoscatto, un sorriso smagliante (v. foto successiva) e la foresta sullo sfondo. La posa perfetta da postare su Facebook se non fosse che il protagonista è un raro macaco nero crestato del Sulawesi (Macaca nigra) fotografatosi in totale autonomia mentre prendeva confidenza con l'equipaggiamento di un fotografo inglese.
David Slater, 46 anni, stava visitando un piccolo parco nazionale nell'isola del nord dell'Indonesia quando ha deciso di incontrare i buffi primati. Dopo una marcia di tre giorni al seguito di una guida locale si è imbattuto nelle creature, che pur non essendo abituate al contatto con l'uomo si sono dimostrate da subito molto amichevoli. È bastato che il fotografo si assentasse per qualche minuto, abbandonando l'attrezzatura tra le scimmie, che i macachi hanno iniziato a gironzolare intorno al treppiede con la macchina fotografica, incuriositi dalla loro immagine riflessa nella lente.